• Google+
  • Commenta
17 gennaio 2008

Udine: la specializzazione in beni storico- artistici

A Cividale del Friuli, nella splendida sede di un ex monastero di Santa Maria in Valle, dal 2005 è presente la Scuola di specializzazione in
A Cividale del Friuli, nella splendida sede di un ex monastero di Santa Maria in Valle, dal 2005 è presente la Scuola di specializzazione in beni storico – artistici dell’Università di Udine. Il 14 di questo mese inizieranno, per il dodicesimo anno, le attività dell’Istituto. Quest’anno la Scuola conta diciotto studenti, a cui si aggiungono gli undici nuovi iscritti al biennio 2007-2008. La Scuola organizza un ciclo di conferenze di approfondimento aperte a tutti gli interessati, quest’anno con cadenza bimensile da gennaio ad aprile. Il primo incontro sarà con Federica Rovati, dell’Università di Torino, che parlerà di “Carrà 1915-1916”. Lo scorso anno all’Università di Udine è stato riconosciuto il titolo di primo ateneo italiano ad aver ottenuto l’approvazione ministeriale per il nuovo ordinamento della Scuola di specializzazione in beni storico-artistici. Esso prevede un percorso di studi biennale che formerà specialisti nel settore della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico. Nel corso degli studi, gli allievi della Scuola studiano le discipline storico-artistiche relative alla conoscenza del patrimonio storico-artistico dal periodo tardo antico al contemporaneo. Vengono organizzati seminari e conferenze, visite di studio a musei, mostre e cantieri di restauro, incontri con esperti del settore. Sono previsti stage in istituzioni pubbliche e private di particolare qualificazione. Una importante novità per il biennio 2007-2009 è l’attivazione di tre nuovi insegnamenti: architettura degli interni e allestimento; storia e teoria del restauro; restauro, economia e gestione delle imprese: elementi di economia e gestione delle organizzazioni artistico-culturali.

Google+
© Riproduzione Riservata