• Google+
  • Commenta
23 febbraio 2008

La Sapienza: una “Scuola di Opera lirica” alla facoltà di Scienze della Comunicazione

Una scuola di opera lirica all’interno di una facoltà di Scienze della comunicazione. L’idea è dell’Università “la Sapienza” di Roma che ha organizzatUna scuola di opera lirica all’interno di una facoltà di Scienze della comunicazione. L’idea è dell’Università “la Sapienza” di Roma che ha organizzato un laboratorio per la preparazione musicale e scenica dell’Opera “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi. Il corso, coordinato dalla cattedra di Linguaggi della Musica tenuta dal professor Massimo Palombella, ha lo scopo di approfondire la tradizione italiana dell’opera quale protoindustria culturale. La frequenza è riservata ad un ristretto numero di studenti, ai quali è richiesta una conoscenza di base della musica e della storia dell’opera lirica; la frequenza del seminario dà inoltre diritto a 2 crediti. Per conoscere il calendario degli incontri e su come iscriversi è possibile inviare un’e-mail a danny.cinalli.uniroma1.it. La scelta di rappresentare un’opera lirica come “Il Trovatore” è legata ad una tradizione che fa parte della cultura italiana, suddivisa, fin da quasi tutto l’Ottocento, in un contesto in cui l’azione scenica è abbinata alla musica e al canto, dove si ricordano in particolare il melodramma e l’opera in musica. Il partecipanti saranno così chiamati a organizzare scenografie e costumi da abbinare all’azione drammatica. La messinscena, costituita infatti da scenografia, regia, costumi ed eventuali coreografie, è parte fondamentale dell’opera sostenuta dalla recitazione e dalla qualità vocale dei cantanti. Al di là della riconosciuta qualità dell’opera “Il Trovatore”, la scelta di rappresentare Giuseppe Verdi è fondamentale per comprendere un periodo storico, l’Ottocento italiano, di cui il compositore emiliano è stato protagonista, rappresentando con attenzione la realtà storica dell’Italia contemporanea. Una drammaturgia che raccontava la situazione del periodo in maniera diretta o metaforica ma sempre pungente, critica ed efficace nella sua dimensione lirica e realistica.

Google+
© Riproduzione Riservata