• Google+
  • Commenta
20 settembre 2008

Federico II e la Notte dei Ricercatori

Torna quest’anno anche a Foggia “la Notte dei Ricercatori”, l’evento tanto atteso dagli “addetti ai lavori” perché permette loro di far avvicinTorna quest’anno anche a Foggia “la Notte dei Ricercatori”, l’evento tanto atteso dagli “addetti ai lavori” perché permette loro di far avvicinare il grande pubblico a tematiche che, per molti, possono sembrare distanti dalla vita quotidiana. Ed invece, grazie agli eventi programmati per questa notte bianca della Scienza, i ricercatori fanno comprendere ai loro ospiti che il lavoro è inserito in ogni sfera del quotidiano. Dallo studio delle proprietà organolettiche del vino alla ricerca di un’oliva più resistente e che produca un olio extravergine superiore, dalle ultime idee per la conservazione più efficace dei cibi fino alla tecnologia applicata nei servizi di tutti i giorni.
L’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione (A.R.T.I.), promotrice in Puglia di questo avvenimento, ha visto coinvolti moltissimi atenei ed istituti di ricerca.
A tal riguardo,l’Università degli Studi di Foggia, in sinergia con la Provincia ed il Comune di Foggia, il D.A.Re.-Distretto Agroalimentare Regionale e la sezione foggiana dell’Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani, ha preparato una serata all’insegna di Federico II di Svevia e la rivoluzione scientifica del XIII secolo.
Sono previsti giochi di saltimbanchi, mangiafuoco, danze medievali ed un percorso eno-gastronomico del tempo della Magna Curia. Insomma, tante sorprese ci saranno il 26 settembre 2008 nel capoluogo dauno, ad iniziare da Piazza XX Settembre alle ore 18:30, presso il Palazzo della Dogana. Per l’occasione un pezzo di Foggia diventerà la città dell’epoca e tutti, grandi e piccini, faranno un viaggio nel tempo fino a quando Federico II chiamava Foggia “la sua perla”.

Google+
© Riproduzione Riservata