• Google+
  • Commenta
6 novembre 2008

Sapienza: un angelo da 220 mila euro

C’è un nuovo simbolo su tutti i documenti ufficiali della Sapienza: si tratta di un ‘angioletto’ costato 183.000 euro più Iva (cos&igravC’è un nuovo simbolo su tutti i documenti ufficiali della Sapienza: si tratta di un ‘angioletto’ costato 183.000 euro più Iva (così riporta il bando di gara ufficiale), vale a dire circa 220.000 euro. La Minerva è stata cancellata, il nuovo simbolo intende ispirarsi all’immagine di Francesco Borromini nella cupola di Sant’ Ivo proprio alla Sapienza; l’autore del nuovo logo è il professor Antonio Romano, docente di art design e titolare della società ‘Area’.
Immediate le reazioni da parte di alcuni studenti che hanno giudicato come “un autentico spreco di risorse economiche” il restyling del marchio. L’angioletto è dunque diventato ‘un caso’, anche perché a molti, più che un angelo, ricorda il famigerato Bafometto dei templari.
Il professor Romano, intervistato dal sito studenti.it afferma: “Ho sottoscritto un contratto triennale che prevede la progettazione, l’implementazione e l’assistenza. Per tre anni saranno impegnate a mie spese dodici persone su questo progetto. Basta fare due conti per capire che personalmente non guadagnerò nulla da questa operazione”. L’ormai ex rettore Renato Guarini giudica necessaria l’operazione, malgrado la Minerva fosse ‘in carica’ da sette secoli; a suo avviso infatti occorre “riposizionare La Sapienza nel mondo della conoscenza, per contribuire a farla tornare un traino per le università italiane”.

Google+
© Riproduzione Riservata