• Google+
  • Commenta
25 luglio 2010

Borse di studio per Fondazione Antonio Ruberti: ottime opportunità per i ricercatori italiani

La fondazione Antonio Ruberti bandisce per l’anno accademico 2010-11 un concorso per l’assegnazione di una borsa di studio per ricerche su Metodi, Modalità e Strumenti di diffusione della Cultura tecnico-scientifica, indagini, anche a carattere storico, sulla museologia scientifica, sulle implicazioni economiche, etiche e sociali della ricerca scientifica e tecnologica, e sulle politiche della scienza.

Il concorso è destinato a tutti i cittadini italiani in possesso di una laurea o di un dottorato di ricerca. La selezione sarà effettuata da una commissione nominata dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione Antonio Ruberti sulla base della pertinenza del tema presentato con il programma di ricerca; inoltre, in sede di attribuzione della borsa di studio, sarà assegnata priorità agli studenti in possesso del titolo di dottore di ricerca, soprattutto se conseguito con tesi di dottorato attinente alle tematiche della borsa. Dopo la prima fase di selezione, i candidati prescelti saranno chiamati allo svolgimento di un colloquio di approfondimento, al termine del quale la commissione provvederà a stilare la graduatoria definitiva degli studenti idonei.

La durata della borsa è di 12 mesi non rinnovabili all’interno dei quali lo studente potrà svolgere attività di ricerca, per una durata minima di due mesi, all’estero; per il rimanente periodo potrà svolgerla in Italia. In un periodo nel quale le esperienze all’estero rappresentano una marcia in più nei curricula di studenti, ricercatori e lavoratori, i fruitori di questa borsa sono incentivati a svolgere un periodo di ricerca all’estero, poiché questo comporterà un innalzamento del 30% dell’importo della borsa di studio. Per di più è previsto anche il rimborso delle spese di viaggio dall’Italia alla sede di fruizione della borsa.

Per partecipare al concorso i candidati dovranno far pervenire la domanda di partecipazione improrogabilmente, pena l’esclusione, entro il 25 Agosto 2010 alla Fondazione Antonio Ruberti.

Per info si visiti il sito

Arturo Catenacci

Google+
© Riproduzione Riservata