• di Geso
  • Bruzzone
  • Miraglia
  • Leone
  • Quaglia
  • Pasquino
  • Tassone
  • Bonanni
  • Quarta
  • Falco
  • Meoli
  • Santaniello
  • Grassotti
  • Califano
  • Ferrante
  • Valorzi
  • Casciello
  • Romano
  • Rossetto
  • Buzzatti
  • Ward
  • Coniglio
  • Mazzone
  • Algeri
  • Crepet
  • Rinaldi
  • Romano
  • Chelini
  • De Luca
  • Dalia
  • Barnaba
  • Carfagna
  • Gnudi
  • Boschetti
  • De Leo
  • Catizone
  • Bonetti
  • Paleari
  • Baietti
  • Alemanno
  • Cocchi
  • Napolitani
  • Liguori
  • Cacciatore
  • Andreotti
  • Scorza
  • Gelisio

Laurea Honoris causa ad Alberto Contri in relazioni pubbliche delle istituzioni e delle imprese.

16 Novembre 2010
.
02/08/2021

LAUREA HONORIS CAUSA AD ALBERTO CONTRI IN RELAZIONI PUBBLICHE DELLE ISTITUZIONI E DELLE IMPRESE L’UNIVERSITÁ IULM CONFERISCE IL TITOLO ACCADEMICO AL PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE PUBBLICITÁ PROGRESSO Figura di primo piano nei processi di innovazione che hanno investito e interessato le forme e i modi della comunicazione con l’avvento dei nuovi media e della rivoluzione digitale, Alberto Contri è un intellettuale eclettico e polivalente , capace di confrontarsi con rigore metodologico e con piena consapevolezza culturale con tutti i comparti della comunicazione contemporanea, dalla pubblicità alla TV, da internet alle dinamiche interattive del digital entertainment.

In più di quarant’anni di attività, ha operato sempre ai massimi livelli nel campo della comunicazione integrata sul fronte creativo, manageriale, istituzionale e speculativo, affermandosi come uno dei pochissimi manager italiani della comunicazione, capace di far crescere il mercato ma anche di riflettere e comprendere teoricamente i cambiamenti in atto.

Nel 1999, all’apice della sua carriera, è diventato Presidente di Pubblicità Progresso, realtà che ha trasformato successivamente (2005) in Fondazione per la Comunicazione Sociale.
Più che nobili, è risaputo, sono gli scopi di tale Fondazione: l’organizzazione annuale delle Giornate Internazionali della Comunicazione Sociale, la creazione del più grande archivio informatico del mondo delle campagne sociali, la creazione di corsi di formazione permanenti e itineranti, la progettazione e la distribuzione di mostre itineranti su tematiche di interesse sociale.

“Tenuto conto del suo curriculum di eccellenza, per l’originalità di un percorso culturale e professionale che coniuga l’attenzione alle nuove tecnologie con una marcata sensibilità per le tematiche e le problematiche sociali; per la determinazione e la lungimiranza con cui ha cercato di svecchiare i modi e le forme della comunicazione, favorendo l’affermazione anche nel nostro Paese della cosiddetta rivoluzione digitale; per la capacità di perseguire e prospettare un profilo professionale inedito, in cui la pluridisciplinarità è un valore aggiunto rispetto all’iperspecializzazione monodisciplinare; per la coerenza e il valore anche formativo di un profilo professionale che non ha mai dimenticato la dimensione etica e valoriale della comunicazione.” Sono queste le motivazioni per cui il Consiglio della Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità dell’Università IULM, presieduta dal professor Gianni Canova, ha deliberato all’unanimità la proposta di conferire ad Alberto Contri questo importante riconoscimento accademico

“La comunicazione sociale è passata dalla fase dell’hobby a quella del dovere istituzionale, arrivando alla sua codificazione in professionalità di alto profilo. E’ dovere del sistema universitario dotarsi, pertanto, di percorsi formativi flessibili, altamente qualificati mirati a un investimento sociale sia nell’ambito del no profit, sia nell’ambito della solidarietà sostenibile di altro profilo. Fondamentali in questa prospettiva sono figure emblematiche come quella di Alberto Contri che da antesignano ha sempre portato avanti con entusiasmo e intelligenza la “professione” del comunicatore sociale. Passione e professionalità. Due, da sempre le leve a monte di ogni passo, ogni azione, ogni successo di Alberto Contri. In Pubblicità Progresso, non poteva essere altrimenti, Contri ha dunque trovato un habitat ideale che gli permette di impegnarsi quotidianamente – con meravigliosa passione e immensa professionalità, appunto – per costruire campagne sociali imperniate sul principio della gratuità delle prestazioni e degli spazi.” sottolinea Giovanni Puglisi, Rettore dell’Università IULM.

Nel proclamare la Laudatio, il professor Stefano Rolando, docente di Teoria e Tecniche della Comunicazione e dello Spettacolo presso l’università IULM, ha più volte ribadito l’importanza che la Comunicazione Sociale ha all’interno delle dinamiche relazionali del nostro Paese contribuendo a incrementare il livello di consapevolezza dei cittadini nei confronti di grandi problematiche di interesse collettivo.
“Nella cornice di questi temi trova il suo innesto l’evoluzione dell’associazione Pubblicità Progresso. E qui trova i suoi meriti l’azione professionale che, in Pubblicità Progresso e nel contesto della comunicazione sociale in Italia, ha espresso Alberto Contri da molti anni. Il suo è un percorso fortemente orientato all’impegno professionale, largamente radicato nel sistema della pubblicità, attento alle dinamiche internazionali, interessato a cogliere la reciproca influenza tra l’efficacia della comunicazione e l’evoluzione del sistema dei media, curioso e capace di indagare i fenomeni insorgenti quando si tratta di capre le discontinuità generate dall’innovazione tecnologica. In una forma appassionata ma non contemplativa solo del carattere “meraviglioso” dell’evoluzione.” – ha ricordato il professor Rolando.

“Uno sguardo olistico verso l’interdipendenza di fattori tecnologici, sociali ed economici, una passione per l’osservazione dei segnali deboli, un’attitudine interdisciplinare: questo approccio mi ha consentito di sviluppare la mia professione di comunicatore giocando spesso d’anticipo sui fenomeni e costruendo significativi successi per le agenzie, le associazioni e le imprese per cui ho lavorato.” – ha dichiarato Alberto Contri. “ Sono particolarmente onorato di ricevere un simile riconoscimento dal Senato Accademico dell’Università IULM, anche perché ritengo intenda sottolineare il valore della professione e del mestiere svolti con impegno e rigore. E sono ancora più soddisfatto di poter mettere a disposizione della collettività le competenze accumulate in 45 anni di lavoro tramite l’insegnamento e l’impegno nello sviluppo della Fondazione Pubblicità Progresso.”

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata