• Google+
  • Commenta
5 gennaio 2011

Classifica università italiane: il sud più in basso rispetto al nord

Per “Campus”, magazine specializzato in tematiche universitarie, la medaglia d’oro per la migliore università d’Italia va a Bologna. I primi dieci atenei in classifica – esclusa la Sapienza di Roma, al secondo posto – sono tutti settentrionali. Il sud fa capolino solo al 17esimo posto.La graduatoria di Campus è stata redatta tenendo in considerazione ben dieci classifiche, tre nazionali (la Guida all’Università di Campus, quella elaborata dal Censis-La Repubblica e quella di Vision, think-tank di ricercatori italiani all’Estero) e sette internazionali, tra cui i punteggi della Qs World University Ranking 2010, che si è occupata per lungo tempo di stilare le classifiche per il Times.

Anche la Qs ha incoronato La Dotta regina delle università italiane, e 176esima tra quelle internazionali.

Restano nell’ombra gli atenei del Mezzogiorno. La Federico II di Napoli, fiore all’occhiello delle università meridionali, è la prima università del sud a spiccare in classifica, occupando il 17esimo posto. Anche l’ultimo posto però il 75esimo, è riservato ad un ateneo del meridione: si tratta dell’università di più recente istituzione, Enna.

Ogni aspetto degli atenei è stato tenuto in considerazione, nella scrittura della classifica: strutture,attività didattica, qualità del corpo docente, tasse, borse di studio, reputazione accademica tra i datori di lavoro, capacità di attrarre studenti dall’estero, numero di ex allievi che occupano posti esecutivi nelle grandi imprese internazionali, impatto sui media e sul web.

Seguendo tali parametri, Campus ha incoronato gli atenei “storici,” Bologna, Roma e Padova ai primi tre posti, e relegato in secondo piano quelli del sud. Il secondo ateneo meridionale in classifica è quello di Bari, e il terzo l’Università di Palermo, al 29esimo posto.

Marilena Grattacaso

Google+
© Riproduzione Riservata