• Google+
  • Commenta
8 marzo 2011

Quanto sono felici i bolognesi della loro città?

A quanto pare è possibile rispondere a questa domanda. E’ partito infatti il 24 febbraio a Bologna il progetto Mood Watcher, nato dalla collaborazione tra Gabriele Bernardi dell’associazione Vitruvio e il professor Furio Camillo, docente di statistica economica nell’Alma Mater.

Verranno effettuate circa 800 interviste telefoniche ai cittadini bolognesi e dei comuni circostanti: a ciascuno sarà sottoposto un questionario, articolato in varie sezioni, che permetterà di capire come si sentono i bolognesi nei confronti della loro città. Come percepiscono Bologna rispetto alle altre città italiane ed europee, cosa farebbero per migliorarla, quali speranze hanno per il futuro, quali sono le ragioni che li spingono a vivere a Bologna sono solo alcune delle domande a cui dovranno rispondere.

Analizzando insieme le varie indagini campione sarà possibile ,spiega il professor Camillo, non tanto “misurare con mezzi statistici la quantità di felicità”, quanto “capirne la qualità: qual è il mix di ingredienti che rende le persone più o meno felici”.

Non è difficile immaginare il potenziale che tale attività potrebbe fornire dal punto di vista politico per il sindaco neo-eletto e più in generale per qualunque iniziativa politica dei prossimi anni; ciononostante è bene sottolineare che si tratta di un’opera di volontariato scientifico svolta in piena autonomia. L’obiettivo è infatti creare un osservatorio indipendente dal punto di vista politico e dunque privo di visioni di parte al servizio della città, per poter migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Un progetto simile era già stato realizzato dodici anni fa ed è proprio con quei dati che ci si vuole confrontare; il professor Camillo e i suoi assistenti daranno la base tecnico-scientifica all’operazione, mentre la società di ricerche Delos si occuperà delle rilevazioni dermoscopiche. L’associazione Vitruvio, infine, si dedica già da dieci anni allo sviluppo del territorio e le sue proposte han già portato molti bolognesi a riscoprire la loro città, alla quale evidentemente si erano troppo abituati per ammirarne la bellezza. Vitruvio ha quindi un forte interesse per i risultati di queste ricerche, per poter capire dove investire le risorse e cosa migliorare a Bologna.

I dati rilevati verranno pubblicati nel magazine gratuito “Bologna da vivere”, scelto anch’esso perché scevro da pregiudizi politici, con il quale Vitruvio collabora già dal 2008. Inoltre, i risultati verranno commentati in un talk-show settimanale condotto dal comico Bob Messini (Convenscion, Quelli che il Calcio) che avrà luogo dal 10 marzo al 12 aprile. Il primo appuntamento sarà nell’Auditorium Enzo Biagi, in Sala Borsa, all’interno della programmazione del “Green Social Festival”.

Eleonora Lena

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy