• Google+
  • Commenta
4 agosto 2011

Baggage il nuovo corto di Danis Tanovic

Baggage, il nuovo corto del regista bosniaco Danis Tanovic (premio oscar nel 2001 con No Man’s Land) è stato presentato al Sarejevo Film Festival. Il cortometraggio racconta la storia di Amir che, fuggito dalla Bosnia-Erzegovina durante il conflitto che coinvolse l’allora Jugoslavia, torna in patria per prendere in custodia le spoglie dei suoi genitori scomparsi durante il conflitto. Il ritorno in patria è per lui un’occasione di rivisitare i luoghi della sua infanzia e di riprendere vecchie amicizie che la guerra aveva interrotto.

Tanovic ci racconta una storia basata su esperienze reali vissute in un luogo carico di drammatiche vicende storiche. La cinepresa del regista bosniaco mette in scena una storia di uomini, di amici e di nemici, di guerra, di amicizia e morte, ma anche di speranza e di fiducia in un futuro migliore.

Il corto ha riscosso un grandissimo successo durante il festival, anche perché, come ha commentato Tanovic Mette in luce uno dei problemi più attuali dell’odierna Bosnia, ossia la mancanza di fiducia tra le persone.

Proprio pensando a questa problematica il regista ha deciso di Scrivere una sceneggiatura basata su una storia vera. Certo, mentre prendeva forma la storia è cambiata, ma la motivazione originaria rimane la vita reale: sento che generare fiducia sia uno dei modi per sconfiggere la violenza che domina ancora sulle nostre vite quotidiane, ha concluso.

Il cortometraggio fa parte del progetto perFiducia, che, ormai dal 2009 viene sostenuto dal gruppo bancario Intesa Sanpaolo. Il progetto nato inizialmente per raccontare le forze vitali e positive del nostro paese, ha deciso quest’anno di avere un respiro internazionale. Il direttore delle Relazioni Esterne di Intesa Sanpaolo Vittorio Meloni, ha affermato nel corso della conferenza stampa Con questa nuova produzione, il nostro Gruppo ha voluto portare il progetto perFiducia fuori dall’Italia per dare il suo contributo all’identità culturale e sociale dei Paesi nei quali la banca opera. È un modo di comunicare diverso, attraverso il quale Intesa Sanpaolo vuole lanciare un messaggio di positività, di fiducia e di speranza. E aprire una nuova strada di dialogo con il pubblico.

Intesa Sanpaolo è solo una delle aziende italiane che ha deciso di mettere soldi per poter promuovere cinema che possa essere anche di qualità. Poco tempo fa anche un pastificio famoso come Garofalo produsse un corto ad un grandissimo regista come Terry Gilliam dal titolo The Wholly Family, che uscì addirittura in diversi cinema italiani (cosa non usuale per un corto).

Questo nuovo modo di farsi pubblicità delle aziende è da accogliere finora con interesse e curiosità. Ci sentiamo di poter plaudere, soprattutto se ad avere risvolti positivi è l’industria cinematografica italiana. Che stia cambiando qualcosa all’interno del mondo della produzione? Questo è difficile dirlo, anche perché per adesso si tratta solamente di piccole produzioni che comportano, per le aziende che le portano avanti, un esborso economico non particolarmente gravoso. Solo il futuro ci potrà dire se queste iniziative avranno un seguito o se saranno solo episodi che non scalfiranno le torri d’avorio, talvolta d’oro, nelle quali sono rinchiusi i pochi santoni della produzione cinematografica italiana.

Francesco Tamburrino

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy