• Google+
  • Commenta
31 agosto 2011

Dove si vedono i laureati italiani tra 5 anni? Non in Italia…

Crisi, sempre crisi. Opportunità pochissime, nessuna voglia di cambiare le cose – per chi potrebbe fare qualcosa – e frustrazione al massimo. E i giovani? Cosa ne pensano? Dove si vedono tra cinque anni?

Tesionline (www.tesionline.it) l’ha chiesto ai suoi utenti, e la risposta è stata chiara. Il più famoso sito per laureandi e laureati, dove è possibile consultare e vendere le tesi di laurea, creare un profilo utile alle aziende e trovare il lavoro giusto, ha registrato alcuni dati che non lasciano scampo. Sarà forse perché da qualche settimana a questa parte non si parla d’altro, e perché siamo tutti coinvolti: sta di fatto che a rispondere sono stati ben 9.848 ragazzi, tra i 19 e i 35 anni. E cosa è emerso? Che il 57% dei laureati dichiara di vedersi all’estero tra cinque anni. Idem per i non laureati, il cui dato di riferimento è inferiore solo di un punto percentuale (56%).

Perché partire? Per i laureati, prima di tutto, “perché non ci sono sbocchi” (ad affermarlo è il 21% di chi ha votato il sondaggio), ma anche “perché qui non viene riconosciuto il mio talento” (20%) e “perché non abbiamo una classe politica che pensi ai giovani” (19%). A parimerito le altre due risposte possibili: “Perché l’Italia è solo un Paese per vecchi” e “perché sono destinato a guadagnare meno dei miei genitori”. Colpisce però anche il dato del 19% di chi vuole “restare in Italia e cambiare questo Paese”.

Chi la laurea in tasca non ce l’ha, almeno per il momento, non la pensa tanto diversamente. Il 27% di chi ha espresso un parere si vede presto via dall’Italia a causa delle scarse opportunità. Il 24% di loro è convinta che ai nostri politici non interessi nulla dei giovani mentre il 22% è deciso a restare solo per provare a cambiare le cose. Per il 19% dei giovani il motivo per cui andare via è la questione economica (“sono destinato a guadagnare meno dei miei genitori”), per il 18% di loro è l’impossibilità di veder riconosciuto il proprio talento. All’ultimo posto della classifica delle opzioni indicate, “perché l’Italia è solo un Paese per vecchi” (12%).

Da oltre dieci anni Tesionline raccoglie i lavori di ricerca degli studenti per dare loro visibilità e suggerire i migliori canali per farsi notare da chi offre lavoro. Con 800 mila visitatori unici mensili, 4 milioni di pagine viste, più di 450 mila utenti registrati attivi e 25 mila accessi unici al giorno, e grazie alla sua costante vicinanza al mondo dei giovani, Tesionline rappresenta un bacino interessante e sempre aggiornato cui attingere per saperne di più non solo sugli argomenti trattati nelle tesi di laurea, ma anche sull’università e sulle migliori offerte post-laurea, sulle più interessanti tendenze del mondo del lavoro e sugli scenari che coinvolgono i laureati italiani.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy