• Google+
  • Commenta
29 agosto 2011

Out Of Tehran, four stories. Un film documentario di Monica Maggio

In concorso alla Mostra internazionale d’Arte CinematograficaIn concorso alla Mostra internazionale d’Arte Cinematografica

Rai Cinema e Mediakite presentano Out Of Tehran (four stories).

Si tratta di un interessante film documentario di Monica Maggio in concorso per la Mostra internazionale d’Arte Cinematografica, nella sezione Controcampo Italiano.

Out Of Tehran è la storia di chi fugge dall’Iran perché lì, per loro, è ormai impossibile vivere una vita normale.

Sono tre ragazzi e un professore i cui percorsi si incrociano: sono finiti senza colpa nelle maglie del regime, alcuni sono stati imprigionati, torturati. Hanno negli occhi la violenza dei giorni delle manifestazioni contro il regime e raccontano l’orrore della repressione vissuta sulla propria pelle.

Abbas, Ebrahim, Hossein e Narges hanno lasciato l’Iran viaggiando attraverso le montagne del Kurdistan, con l’aiuto dei contrabbandieri, o verso la Turchia; qualcuno più semplicemente è salito in aereo e non è più tornato. Nella loro mente il viaggio è sempre lo stesso, uguale il senso di impotenza nei confronti di un regime che ha spezzato le loro esistenze, che li ha privati degli affetti più profondi.

Abbas era professore di economia all’università, Ebrahim faceva il blogger, Hossein lavorava in Tv, Narges di professione documentarista.

Proprio lei, figlia di uno degli ex potenti del regime di Ahmadinejad un giorno in Germania ha parlato di diritti umani e non è più potuta tornare a casa. “Ormai in Iran la realtà è che questo regime, il regime della Repubblica Islamica, chiede alla gente di non pensare. Chi pensa è in pericolo”.

Le loro storie, i loro diari minimi, sono una denuncia violenta contro un regime che ha assunto i tratti dell’aguzzino, sono il ricordo di chi ancora è in carcere o non può parlare; ma alla fine tutte le loro voci si stemperano nel sussurro malinconico degli esuli che sognano solo il ritorno.

Come spiega anche la regista, Monica Maggioni: “I protagonisti sono persone che pagano con l’esilio l’avere delle idee, la volontà di dire delle cose normali in un paese dove il regime sembra aver persino smesso di fingere la normalità. Il loro percorso, duro e dignitoso, ci ha portato sulle montagne innevate del Kurdistan, infestate da spie iraniane e agenti doppiogiochisti e poi fin nel cuore dell’Europa dove tanti iraniani tentano di ricomporre una qualche esistenza, con un unico pensiero. Tornare a casa”.

Diretto da
Monica Maggioni

Scritto da
Monica Maggioni
Gian Micalessin
Dario Curatolo

Fotografia
Dario Curatolo

Montaggio
Roberto Di Tanna (A.M.C.)

Musiche originali
Grégoire Hetzel

Produttore esecutivo
Francesco Malatesta

Operatori
Marcello Pastonesi
Marzio Mirabella
Daniele Corso
Marta Milani
Paolo Ferrari

Aiuto operatori
Matteo Cantalamessa

Suono
Andrea Caretti

Produzione
Sanam Ghiaei
Maria Cristina Mazzù

Scenografia
Four in the morning

Post produzione
Digicut

Grafica
Studiodca

Prodotto da
Mediakite

In collaborazione con
Rai Cinema

Anno di produzione
2011

Durata
61’

Maria Teresa Violi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy