• Google+
  • Commenta
8 settembre 2011

Faithful To Rock: Smart Cops alle chitarre

Tutto inizia con la mancata ammissione ad un concorso per la polizia. Da quel momento in poi c’è stato spazio solo per la ribellione, la paranoia, la denuncia e al contempo l’esaltazione dell’alienazione societaria.

Questo sono gli Smart Cops, sulla scena ormai dal 2007 e in arrivo, insieme alle loro chitarre in giacca di pelle, al Circolo degli Artisti di Roma. Il non-sense è il senso del loro lavoro, la linfa della loro musica.

Dopo numerosi tour tra Stati Uniti, Israele ed Europa, ed in seguito all’uscita di tre 45 giri esplosivi, stampati per etichette come Sorry State (USA) e Adult Crash (Danimarca), finalmente arriva il disco intero dal titolo “Per proteggere e servire”, prodotto in versione cd/digitale da La Tempesta Dischi e in versione vinilica sempre dall’americana Sorry State.

Quattro ragazzi, viaggiatori, musicisti, eretici e anticonformisti. Gli Smart Cops sono il risultato finale di quattro ragazzi che hanno passato gli ultimi dieci anni a suonare in ogni parte del mondo. Marco Rapisarda, oltre ad aver fondato i più influenti gruppi punk degli ultimi dieci anni (La Piovra, L’Amico di Martucci), ha intrapreso un percorso parallelo suonando con gruppi americani del calibro di Crocodiles e Blank Dogs, e dividendo i palchi con The Horrors, Raveonettes e molti altri. Dirige inoltre un’etichetta indie, la Hell, Yes!, che vanta un roster di artisti nazionali (Mojomatics, Movie Star Junkies, ecc…) ed internazionali (Dum Dum Girls, Crocodiles ecc..). Nicolò Fortuni invece arriva dalla malattia dei gruppi indie/noise statunitensi e giapponesi e ha per anni suonato nella band With Love, conosciuta per le performance live devastanti e distruttive, per i concerti sparsi tra USA, Canada, Giappone ed Europa e per aver realizzato l’ultimo disco con l’etichetta “avant” per eccellenza, la californiana GSL (The Mars Volta, The Locust, Vanishing… ). Edoardo Vaccari, dopo l’esperienza come chitarrista nella band skate punk Ban This, si è unito alla storica band Oi! Klasse Kriminale e coltiva la sua passione per la musica soul ed il movimento mod. Chiude la quaterna Matteo Vallicelli, giovane sbandato della riviera romagnola, il cui trascorso nelle “balere” gli ha sempre fatto prediligere il corteggiamento di giovani vergini al fascino violento e ribelle del giro punk.

Dead Boys, Ramones, il garage ’60 e lo spirito del beat italiano degli anni ’60 (I Ribelli, i New Dada) riecheggiano nelle loro note e nei loro testi. Le debolezze della polizia alimentano lo svelarsi progressivo della maschera societaria che sottende le nostre azioni. Musica, cinismo, rabbia ed energia.

Ingresso libero fino alle 22:30. Dalle 22:30 5 euro per Faithful To Rock, in collaborazione con RADIO CITTA’ FUTURA, con 2 sale dj set con Fabio Luzietti, Skalibur, Lino & Nicola di Fish’n’Chips ed i visual di Bennet Pimpinella.

Un appuntamento interessante, per chi vorrà apprezzarlo.

Tommaso Ceruso

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy