• Google+
  • Commenta
1 ottobre 2011

A Spasso nel Tempo

Per un fisico la distinzione tra passato, presente e futuro ha solo il significato di un’illusione, per quanto ostinata. La nostra epoca è lacerata da tante illusioni e poche certezze. Uno stralcio di tempo sospeso tra scepsi e fede.

Un afflato evolutivo scandito dal tintinnio di lancette artificiali, da cui dipende il maturare della coscienza collettiva.

Ma che cos’è il tempo? Una dimensione reale oppure una bieca illusione? Di sicuro è un argomento di grande interesse, non solo fra gli scienziati.

Chiunque si sarà soffermato, almeno per un istante, sul suo significato più recondito, misterioso ed affascinante. Per certi versi, il tempo è una condizione dell’anima, uno spazio etereo ed invisibile; un vuoto da colmare. Per altri, è solo una convenzione creata per semplificare la percezione del reale.

Al di là delle speculazioni filosofiche, per la fisica il tempo è una dimensione reale, al pari dello spazio. Una dimensione ancora tutta da scoprire. Un sentiero algoritmico da esplorare a patto che lo si riesca a decifrare.

La relatività ristretta di Einstein spiega che lo scorrere del tempo è differente per osservatori che siano in moto l’uno rispetto all’altro; da ciò si deduce che tutto dipende dalla velocità.

Sebbene l’argomento possa apparire grottesco o fantascientifico, la stessa relatività einsteniana non esclude la possibilità di superare la velocità della luce, dunque di viaggiare nel tempo.

Fa ben sperare la recente scoperta dell’Istituto nazionale per la fisica nucleare, cui va il merito di aver indotto i neutrini ad una velocità superiore ai 300mila chilometri orari, dimostrando che la velocità della luce non è un limite invalicabile né una costante universale. La velocità dei neutrini è stata misurata dal rivelatore ‘Opera‘, nell’ambito dell’esperimento Cern Neutrinos To Gran Sasso.

Secondo l’astrofisica Margherita Hack, l’esperimento è una sensazionale sorpresa: ” Se i risultati fossero confermati, si tratterebbe di una vera e propria rivoluzione. La relatività prevede che se un corpo viaggiasse ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe avere una massa infinitamente grande.

Per questo la velocità della luce è stata finora considerata un limite invalicabile. Inoltre la relatività teorizza l’impossibilità dei viaggi nello spazio-tempo. Tuttavia, dinanzi ad una simile scoperta tutto diventa possibile, persino la fantascienza”.

Per molto tempo la scienza moderna, ha ipotizzato che i viaggi nel tempo fossero possibili solo per l’infinitamente piccolo. In realtà, la possibilità di varcare gli orizzonti temporali è di gran lunga più attuabile nei grandi spazi siderali.

Il fisico statunitense Stephen Hawking, professore presso l’Università di Cambridge, ha dedicato gran parte della sua carriera alla comprensione dei meccanismi che si celano dietro la capacità di muoversi tra passato e futuro.

La sua zelante ambizione scaturisce da una nuova branca della fisica, la geometrodinamica quantistica, in altre parole lo studio del comportamento della materia a livello microscopico. Molti scienziati sostengono l’esistenza di numerosi universi paralleli animati dalle stesse leggi fisiche della nostra realtà cosmica.

Secondo Hawking esistono luoghi infinitamente piccoli nei quali le coordinate spazio-temporali perdono ogni significato. “ Si tratta – spiega Hawking – di un sistema basato su scale di lunghezza inferiori a quelle di atomi e molecole. Scendendo al livello della scala minore, si arriva alla schiuma quantistica; ergo al limite del conoscibile. E’ proprio questo l’ambiente dove si può viaggiare nel tempo”.

La schiuma quantistica indica una dimensione riscontrabile a livello ultramicroscopico posto al di sotto della scala di Plank. Secondo il fisico americano: “Se un oggetto, un uomo, una navicella viaggiassero a velocità superiori a quelle della luce si verificherebbe una loro trasposizione in uno spazio nullo, ma in tempo invertito”.

La particella in grado di oltrepassare il limite prende il nome di tachione ed ha una proprietà di successione temporale che va dal futuro al passato, facendo sì che le conseguenze di un’azione precedano la causa.

Secondo Ignazio Licata, fisico teorico e direttore dell’Institute for Scientific Methodology dell’Università di Palermo, l’idea centrale si fonda sull’estensione dello spazio-tempo liscio di Einstein: “In questo ambito si può verosimilmente ipotizzare un effetto tunnel che possa far passare un oggetto da una regione all’altra dello spazio-tempo”.

In realtà, secondo i sostenitori del multiverso, sarebbe possibile viaggiare anche nel passato.

Di questo parere è Sean M. Carrol, ricercatore dell’università della California: “E’ possibile che esistano dimensioni cosmiche in cui il tempo scorrerebbe al contrario. In tal senso, un’ipotetica forma di vita intelligente avrebbe cognizione di quanto accadrà e non di quello che è accaduto. Il tutto appare profondamente connesso alle caratteristiche ondulatorie della meccanica quantistica”.

In definitiva, occorre chiarire che se fosse davvero provata l’esistenza del multiverso, e con esso la possibilità di proiettarsi entro i meandri dello spazio-tempo, l’ipotesi del big bang tenderebbe a sgretolarsi in un lampo.

Infatti, in una realtà cosmica stratificata ed a tratti invertita appare difficile accogliere una tesi sulle origini dell’universo fondata su di una seppur catartica esplosione.

Insomma, il genio Hawking dimostra, ancora una volta, che tutto può e forse deve essere messo in discussione. La contrapposizione dialettica tra dubbio e certezza è il mezzo attraverso cui comprendere il futuro.

Le uniche vere armi a disposizione dell’uomo sono la fede in Dio e nel metodo scientifico-induttivo. Facce contrapposte di un’unica medaglia.

Tuttavia, Scienza e Religione non sono poi così lontane (sebbene Hawking sia convinto del contrario). Entrambe, tendono ad offrire soluzioni, diverse, ad un unico quesito, la vita.

Antonio Migliorino

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy