• Google+
  • Commenta
6 ottobre 2011

Magistrale in teoria della comunicazione audiovisiva: iniziamo male!

Oggi non è un giorno come tanti altri, oggi è un giorno diverso. Addio sveglia a mezzogiorno da oggi si cambia registro. Quindi sveglia alle 8, e via con la corsa contro il tempo per arrivare puntuale in facoltà per seguire il corso. Alla fine ce la fai, ancora con gli occhi gonfi dal sonno mentre aspetti che si possa entrare in aula pensi tra te e te se sei davvero pronta ad affrontare un nuovo semestre già sapendo ciò che ti aspetta. Intanto il tempo passa e davanti l’aula inizia a farsi un po’ di folla. Ormai c’è tutto, ma manca solo una cosa: il professore. Passa più di mezz’ora ma del professore nessuna traccia, a quel punto bisogna andare a chiedere in dipartimento se il prof è semplicemente in ritardo o è stato rapito dagli alieni. La risposta non si lascia attendereIl prof. è fuori per un convegno e starà fuori per 9 giorni. Il corso è sospeso per tutta la settimana”.

Sembra l’inizio di un romanzo ma purtroppo è la realtà.
La facoltà in questione è quella di Scienze della comunicazione, gli studenti quelli della magistrale in Teoria della comunicazione audiovisiva. Ma partiamo dall’inizio.

Anche se da un lato dobbiamo ritenerci fortunati perché alcuni esami “impossibili” sono stati sostituiti da altri più fattibili, dall’altro possiamo realmente sentirci abbandonati a noi stessi.

Perché possiamo dire questo? Beh! Semplice, possiamo tradurre il tutto in 3 problemi.

1° problema: immatricolazioni. Siamo al 5 ottobre e non possiamo ancora immatricolarci in quanto dal 12 settembre (data di pubblicazione dei risultati dei test di accesso del 7 settembre scorso) a oggi la facoltà di lettere e filosofia ancora non è in grado di distinguere chi può immatricolarsi e chi no. Alla fine la questione è semplice gli “immatricolabili” sono solo coloro che hanno conseguito un titolo accademico quindi nel caso in cui la facoltà deve aspettare i laureati di settembre entro il 29-30 settembre era in grado di stilare una classifica su chi poteva accedere all’immatricolazione e chi no, dato che in tre giorni sulla propria pagina utente viene caricato il voto di laurea, ma non l’hanno fatto. Ovviamente chi doveva regolarizzare la propria iscrizione all’università entro il 30 settembre per accedere alle graduatorie definitive per la borsa di studio è entrato nel panico in quanto, pur essendo entrato nella magistrale, non poteva immatricolarsi.
A questo proposito c’è una buona notizia. Entro il 28 ottobre verrà fatta da parte dell’EDISU un riallineamento delle graduatorie e quindi anche chi si immatricola dopo il 30 settembre e ha i requisiti per accedere alla borsa di studio può farlo tranquillamente. Unica pecca di questa buona notizia è il fatto che per saperla si è dovuti andare in segreteria e parlare con la responsabile che in modo non proprio garbato risponde che c’è tempo e alla domanda “Potevate mettere un piccolo avviso nell’area utente come è stato fatto per la scadenza del 30 settembre?” risponde “E vabbè ma non possiamo andare a vedere chi si è iscritto o meno in scienze della comunicazione?”.
Assurdo! Si trattava di aggiungere un rigo in più! Mettono tante notizie sulla pagina utente che non interessano a tutti gli studenti, non credo che un rigo in più rischiava di appesantire il sito.

2° problema: esami. Quest’anno, come un paio d’anni fa a questa parte, la nuova magistrale si compone di 12 esami divisi equamente 6 per il 1° anno e 6 per il 2°. A questo punto vi starete chiedendo cosa c’è di strano? Beh! La stranezza sta nel fatto che al 1° semestre su 6 esami presenti nel piano di studi è stato attivato un solo corso e un solo laboratorio. Insomma su 6 esami a disposizione gli studenti saranno costretti a sostenere un solo esame il primo semestre e ben 5 il secondo .

Per la serie “Come far andare fuori corso uno studente” ma soprattutto “come non mettere in condizione uno studente di poter sostenere gli esami ”.

3° problema: appelli di dicembre. Questo tema non coinvolge solo noi della magistrale ma tutti gli studenti della facoltà di lettere e filosofia . Come molti sanno gli appelli di ottobre sono stati eliminati e il primo appello utile, dopo l’ormai andato appello di settembre, è a gennaio. Ma è mai possibile che gli studenti per cercare di organizzarsi al meglio il loro piano di esami debbano essere messi in difficoltà non solo dall’esame in sé e per sé (com’è anche giusto) ma anche sul fatto di quando poter farlo effettivamente.

Parlando con il rappresentante degli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia sembra non essere tutto cosi drammatico. Infatti ci è stato promesso che in merito agli appelli di dicembre entro questo mese si saprà se gli esami a dicembre si faranno o meno anche se la maggior parte dei presidi di facoltà e professori sono d’accordo con l’introduzione di questo appello “straordinario”.

Per gli studenti di teoria della comunicazione audiovisiva la questione è un po’ più complicata ma non impossibile da risolvere.

Nel caso in cui i giudizi, anche se in uno solo dei casi, fossero negativi, il rappresentante degli studenti assicura che andrà direttamente dal rettore in quanto “lo studente deve essere messo in considerazione di dare e fare gli esami”.

Speriamo bene.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy