• Google+
  • Commenta
7 novembre 2011

UIIP: entrare nel mondo del lavoro non è mai stato così facile

Tutto è ormai pronto per il “taglio del nastro” della 14esima edizione del Programma UIIP, University Industry Internship training Program che, come di consueto, si svolgerà presso la sua sede di Ariano Irpino (AV). Anche quest’anno, importanti aziende italiane e internazionali consentiranno a giovani laureati di frequentare un programma di alta formazione post laurea gratuito, che garantirà loro non solo un importante accrescimento e l’acquisizione di competenze in ambito IT, ma anche l’opportunità di svolgere successivamente uno stage presso le loro sedi. Dopo lo stage non mancheranno, come ogni anno, ottime possibilità d’inserimento professionali presso le stesse aziende sponsor (UIIP ogni anno registra un placement superiore al 90%).

Grandi novità per chi quest’anno riuscirà a superare gli step selettivi e ad entrare nel “mondo UIIP”: sicuramente una realtà impegnativa, totalizzante, che richiede massimo impegno, serietà e sacrificio, ma decisamente un programma formativo che assicura da anni ai frequentanti degli alti livelli di preparazione e soprattutto degli ottimi risultati professionali, fin dai primi mesi dall’uscita dalle aule “irpine”.

Anche quest’anno la Biogem Campus scarl (ente promotore) non si smentisce e propone, in partnership con aziende ICT, un programma prestigioso e una formazione di ampio respiro per i 40 nuovi “uiippers” che in soli pochi mesi potranno qualificarsi e acquisire le migliori competenze come Business Analyst esperti di Supply Chain Management e Performance Management.

Un grande programma non poteva non derivare da importanti collaborazioni e da una rosa di aziende partner di alto livello. A mettere a disposizione quest’anno ben 40 borse di studio per gli studenti ammessi: SAS Institute (main sponsor), Accenture Technology Solutions, Assioma.net, Format, Meware e Poste Italiane.

Ma qual è il segreto di UIIP, perché tantissime aziende del settore ICT finanziano questo programma, reiterando la loro sponsorizzazione negli anni? Perché è un programma formativo di così grande successo?
Lo chiediamo a chi in questo programma di alta formazione ha sempre creduto accordando, già dalle prime edizioni, fiducia nella formula “arianese”, convinto della possibilità di un’acquisizione di competenze specialistiche hard e soft immediatamente spendibili, di un’infusione di cultura aziendale apriori.

A Controcampus il Dott. Roberto Di Giulio, CEO della prestigiosa azienda Meware che da anni sponsorizza il programma UIIP e che ospita nella sua azienda numerosi ex uiipper.

-* Roberto, perché UIIP per la sua azienda?

In una azienda di servizi le persone sono la risorsa più importante che può fare la differenza! Noi abbiamo una strategia che punta alla specializzazione come elemento di differenziazione sul mercato, di conseguenza la formazione è il fattore critico di successo per costruire una azienda con forti competenze e grande specializzazione su alcune tecnologie innovative e servire al meglio i nostri clienti.
Io seguo e sono sponsor dell’iniziativa UIIP ormai da molti anni e credo di aver contribuito anche a modificare l’iniziativa che, partendo da una formazione informatica più generale, si è sempre più specializzata per fornire competenze richieste dal mercato e servire le aziende sponsor nel modo più efficace.

-* Perché consiglierebbe UIIP a giovani laureati come formazione post laurea?

Per alcune considerazioni che voglio condividere con voi e quindi con loro:

• Il progetto UIIP vede la partecipazione attiva delle aziende che investono quattrini ed energie nell’iniziativa; gli imprenditori sono generalmente abituati a valutare il ritorno degli investimenti e quindi non sono abituati a perdersi in iniziative accademiche che non portino ad un beneficio reale. Quindi si aspettano, da questa iniziativa, di avere forza lavoro specializzata da impegnare nel loro business

• Oggi la situazione economica è estremamente difficile e il mercato dell’ICT è particolarmente complicato perché oltre ai problemi generali dell’economia vive una realtà di grande competizione e di assottigliamento dei margini. Il mercato dei servizi, in alcuni segmenti, è ormai diventato un mercato di reali “commodities”, e differenziarsi attraverso una strategia di qualità è diventato complicato per le aziende ma anche per gli individui. Solo la specializzazione e la competenza possono essere elementi di differenziazione e, in fondo l’UIIP offre proprio questa opportunità per un neolaureato.

• Il fatto che la pianificazione dei piani formativi viene fatta insieme alle aziende è garanzia di aderenza con le esigenze del mercato. In fondo noi, quando progettiamo insieme alle persone di Biogem una edizione di UIIP con gli indirizzi e i contenuti didattici, abbiamo già in mente quali esigenze occupazionali di breve medio termine dobbiamo coprire. Questa è anche la chiave di lettura dell’alto livello di “placement” che raggiunge l’UIIP.

-* Un fattore che purtroppo accomuna i giovani oggi è la sfiducia nel mercato occupazionale, nei sistemi accademici e nei vari istituti più o meno accreditati che erogano master, ma che il più delle volte si rivelano venditori eminenti di soli sogni. Cosa direbbe a un giovane “scettico” per invogliarlo a inviare il proprio curriculum per partecipare alle selezioni del programma UIIP?

Probabilmente si è diffusa una tale sfiducia e un tale scetticismo da parte dei giovani verso la possibilità di entrare nel mondo del lavoro che ormai in tutte le iniziative si tende a vederne il “trucco”. Ma in questo caso mi viene da dire a chi partecipa: “Cosa stai rischiando?”. L’iniziativa non richiede spese per i partecipanti ma solo un grande impegno e una grande passione… provare per credere…

-* Pensa che UIIP possa essere considerata una “controtendenza” rispetto all’attuale trend del mercato occupazionale ormai statico?

Insisto nel pensare che la specializzazione, la competenza, la qualità e l’innovazione saranno sempre elementi di valore; le aziende che fanno qualità e che aiutano realmente i loro clienti con competenza e dedizione saranno sempre premiate dal mercato perché entrano nei processi vitali dei loro clienti e forniscono valore competitivo. L’UIIP è la migliore risposta di formazione in questo senso!!.

Non c’è, dunque, da esitare! La formula è giusta e giusto potrebbe essere il vostro curriculum! Non c’è che da inviare il curriculum e garantirsi questa grande opportunità.
Per partecipare alle selezioni occorre essere laureti in discipline collegate all’ingegneria gestionale, scienze economiche, al business e alla finanza, alle scienze statistiche e attuariali, alle scienze matematiche e informatiche, a discipline collegate all’ambito ICT e Finance. È gradita, inoltre, la conoscenza dell’inglese.
Per candidarsi occorre inviare il proprio curriculum vitae quanto prima: mancano ormai poche ore alla scadenza del bando. Dopo pochi giorni, sarà comunicata la lista dei candidati ammessi ai colloqui sulla base dello screening dei cv. I candidati ammessi riceveranno via mail i dettagli per partecipare alle selezioni ad Ariano (i colloqui di selezione si svolgeranno dal 9 al 15 Novembre). Il 16 novembre sarà ufficializzato l’elenco degli ammessi a partecipare alla 14esima edizione del programma UIIP.

UIIP… il terreno fertile per il tuo futuro

Per info e per inviare il cv:

www.uiip.it

mailto: uiip@biogem.it

Pasqualina Scalea

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy