• Google+
  • Commenta
2 dicembre 2011

Al Teatro Bravo’ di Bari “Un giardino di aranci fatto in casa” di Neil Simon

A seguito delle numerose richieste, replica ancora sabato 3 e domenica 4 dicembre alle 21al teatro Bravò di Bari Un giardino di aranci fatto in casa di Neil Simon, per la regia di Gianni Ciardo.

Sarà inoltre ancora possibile in questa occasione sottoscrivere la tessera associativa che dà diritto ad assistere ai sei spettacoli in programma e a ricevere uno sconto sui Fuori Programma (Intero, 38 euro; Ridotto, 36 euro per associazioni, CRAL, studenti universitari, under 18 e over 65).

In scena le tipiche animosità di vita familiare che da sempre costituiscono la linfa vitale del rapporto genitori-figli. Libby Tucker (Lucrezia Rossetti), che suo padre Herb (Lorenzo D’Armento) ha abbandonato sedici anni prima quando ha deciso di separarsi dalla moglie, decide di cercarlo a Las Vegas dove lavora come sceneggiatore e convive a intermittenza con una truccatrice cinematografica: Steffy Blondell (Tiziana Gerbino).

Libby però coltiva anche il sogno di diventare attrice e, una volta lì, pretenderà un aiuto da parte del padre come risarcimento dopo l’abbandono. Herb, nel frattempo, attraversa una fase critica riguardo al lavoro e l’arrivo di Libby segna apparentemente un vero e proprio tracollo. Insieme scopriranno che, tra persone che si vogliono bene, di ciò che di brutto accade, nulla può essere davvero dannoso.

Scenografie: Rosa Lorusso, costumi: Angela Varvara, fonico e luci: Giuseppe Dentamaro.

“La struttura del testo, esibito e diretto con garbata semplicità dalla regia di Ciardo, prevede alterni dialoghi e confronti (…) e abbisogna di attori leggeri e brillanti, in grado di tenere la scena senza appesantire: i tre interpreti sono sembrati piuttosto all’altezza del compito”. Pasquale Bellini, La Gazzetta del Mezzogiorno

“Una narrazione lungo la quale ci si affeziona a questa ragazzina caparbia con il sogno d’attrice e a quel suo padre malconcio, poco esperto nell’essere sempre in ansia per una figlia ritardataria, pressato tra una crisi creativa, un rapporto intermittente con la nuova compagna e una nonna morta che sa tutto di tutti meglio che un social network. Battute e trovate registiche si rivelano in qualche caso delle intense prove attoriali come lo scambio urla/silenzio durante una lite padre e figlia simulato con l’azione del tapparsi le orecchie alternativamente”. Rosa Scarpa, Nuovo Corriere BariSera

In scena il drammatico e complicato rapporto tra genitori e figli, reso meno amaro dalla sapiente regia del sempre più maturo Gianni Ciardo. Notevoli gli attori. Spettacolo consigliato”. Francesco De Martino, Quotidiano di Bari

Quello di Neil Simon, con la sagace regia di Gianni Ciardo, che sente l’esigenza di affrancarsi da una certa comicità alla barese, è arte in cui i personaggi sembrano usciti dai romanzi di Flaubert. Degli anti-eroi che ritrovano la loro giusta collocazione in maniera inaspettata, che fanno scaturire dal loro dramma personale persino una forma di comicità. Ezio Tullo, Barilive

Agevolazioni all’ingresso anche per i non tesserati.

Necessaria prenotazione telefonica (339.8903522 – 331. 6473886) oppure a mezzo e.mail (sul sito www.teatrobravo.com).

Info: Via Stoppelli, 10 – Bari, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

B.M.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy