• Google+
  • Commenta
19 dicembre 2011

EVASIONI ROMANE

Mostra – mercato natalizia che mette in vendita i prodotti realizzati dai detenuti delle carceri romane.Evasioni Romane è un mercatino natalizio per promuovere le eccellenze produttive carcerarie.

Il mercatino è stato inaugurato sabato 17 dicembre a Roma in piazza Mastai, nel cuore di Trastevere, e proseguirà fino al 31 dicembre.

Insieme a “Recuperiamoci” e al Consorzio Artemisia sono oltre 40 le associazioni e le cooperative che hanno partecipato all’organizzazione dell’evento promosso dal Garante dei detenuti di Roma Filippo Pegorari e dall’assessore capitolino all’ambiente Marco Visconti.

“L’obiettivo di questa iniziativa – ha detto Paolo Massenzi, presidente di Recuperiamoci– è di creare un ponte tra i detenuti e la società, cercando di dare una connotazione di leggerezza al problema delle carceri, evitando vittimismi e preferendo parlarne attraverso lo stile e il gusto”.

Sarà possibile acquistare un po’ di tutto, dai formaggi al panettone, dai mosaici alla pelletteria… Presenti anche “Rebibbia Fashion”, linea di maglieria e abbigliamento, “Vale la pena”, vino fatto in carcere ad Alba e “Veri avanzi di galera”, linea di prodotti ricavati da materiale di recupero e scarti provenienti dalle carceri; cose diverse che hanno in comune il fatto di essere stati realizzati dalle 40 cooperative sociali che operano nel settore penitenziario.

A sostegno dell’iniziativa, tra i tanti stand della mostra-mercato natalizia ce ne sarà uno dell’assessorato all’Ambiente di Roma Capitale, dove verranno venduti i prodotti dell’ azienda di Castel di Guido.

L’assessore Marco Visconti, presentando la manifestazione in Campidoglio, ha ribadito che la città deve sapere cosa accade dentro gli istituti di pena, e a questo scopo sono in cantiere molti progetti, tra cui uno sulla raccolta differenziata da realizzare a Rebibbia assieme a Legambiente.

Il Garante dei Detenuti, Filippo Pegorari, ha aggiunto che “I prodotti che saranno esposti negli stand sono stati realizzati in carcere dai detenuti sotto la guida di esperti agronomi e veterinari, e non soffrono la concorrenza perché la loro qualità è davvero alta.”

L’iniziativa, prima di questo genere a Roma, è un modo concreto e piacevole per partecipare a quella rieducazione del detenuto di cui parla anche la costituzione.

Giulia Migliola

Google+
© Riproduzione Riservata