• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2011

Shakespeare e Verona, legati nel tempo e nello spazio

Shakespeare e Verona, un legame che continua nei secoli. Un connubio sempre più stretto quello tra la città di Romeo e Giulietta e il suo interprete.

In occasione del quarto centenario della “Tempesta” di William Shakespeare, l’Università di Verona propone il convegno internazionale “The Tempest at 400. Performing (pre)texts” che si terrà da giovedì 15 a sabato 17 dicembre.

Tre giornate per scoprire e conoscere meglio questa opera shakesperiana con particolare attenzione al rapporto fra parola e gesto teatrale inscritto nel testo, così come alla storia delle sue differenti rese sceniche, dal Diciottesimo secolo fino ai giorni nostri.

L’evento vedrà la partecipazione di numerosi studiosi provenienti dall’Italia e dall’estero, oltre a quella di alcuni membri del Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e si pregia della collaborazione del prestigioso Shakespeare Institute di Stratford-upon-Avon.

Oltre ad incontri, seminari e tavole rotonde che si terranno nei tre giorni del congresso, la Compagnia del Teatro Scientifico di Verona curerà lo spettacolo “La tempesta (Pre) testi” al Teatro Camploy che si terrà il 16 dicembre alle 16.

La Compagnia allestirà la messa in scena di una scelta di passi di particolare rilevanza scenica tratti dalla Tempesta e da canovacci di commedia dell’arte ad essi collegati. La rappresentazione sarà seguita da una tavola rotonda che si concentrerà sulla discussione della rappresentazione e della rappresentabilità di una selezione di scene tratte da alcune recenti traduzioni italiane.

Lo spettacolo sarà aperto non soltanto a studenti e a studiosi del settore, ma anche al pubblico cittadino.

Per maggiori informazioni: http://profs.lingue.univr.it/thetempestat400/

Google+
© Riproduzione Riservata