• Google+
  • Commenta
2 febbraio 2012

Arte Fiera è arrivata al capolinea?

La città di Bologna dal 25 al 30 gennaio ha ospitato Arte Fiera,dopo sette anni sembra che questa attività riscuota ancora molto successo , i visitatori quest’ anno infatti sono stati circa 40mila!

Il 25 gennaio 2012 la città di Bologna ha dato inizio a una delle più belle mostre di arte moderna e contemporanea,che si sono svolte fino al 30 gennaio.
Arte Fiera 2012 ha deciso di far partecipare tutte le istituzioni della città di Bologna presentando un vasto programma che prevedeva:
-* con il biglietto della manifestazione l’ingresso gratuitoal MAMbo (museo d’Arte Moderna di Bologna), al Museo Morandi e a tutti i Musei Civici Cittadini (Archeologico, Musei Civici d’Arte Antica, Museo della Musica, Museo del Patrimonio Industriale).

-* venerdì 27 gennaio alle 21 alla Sala Borsa, in Piazza Nettuno, il protagonista è stato Luigi Ontani in un confronto con Renato Barilli e Aldo Busi

-* Sabato 28 gennaio l’apertura gratuita fino a mezzanotte delle installazioni di Bologna Art First, dei musei cittadini, delle mostre, delle gallerie d’arte e dei negozi

Arte in Fiera è giunta alla settima edizione e ha trasformato la città di Bologna in uno scenario in cui troviamo sia artisti italiani che artisti internazionali. E’ stato tracciano inoltre un percorso ideale in cui il visitatore ha potuto scoprire 11 luoghi e palazzi storici di Bologna .

Al termine di questo servizio d’arte è stato possibile contare quarantamila visitatori , un bel numero per un Italia che deve affrontare una forte crisi economica. Nonostante ciò domani 1 febbraio scadrà il contratto con il direttore artistico Silvia Evangelisti ,e da li si deciderà il destino di questa mostra che ormai dura da 8 anni. Silvia Evangelisti durante un intervista aggiunge che un impegno così intenso su Arte Fiera non sarà più possibile; da aprile insegnerà alla facoltà di Lettere ma spera di continuare con una nuova modalità Arte Fiera.
Ciò che ha colpito quest’anno è stata l’affluenza dei visitatori ,il numero infatti tra lo scorso anno e il 2012 sempre essere stato lo stesso.
Per quanto riguarda invece gli affari sembra che l’arte contemporanea della seconda metà del Novecento e quella giovane sono andate molto bene,mentre quella moderna non è stata apprezzata molto.

Giorgia Scancella

Google+
© Riproduzione Riservata