• Google+
  • Commenta
12 Febbraio 2012

Bagni sporchi all’università: arrivano le istruzioni su come andare al bagno

Il problema, comune a molte università, è stato affrontato direttamente dalla Swansea University del Galles. Appelli continui sulle condizioni in cui versavano i bagni del Campus universitario hanno richiamato l’attenzione dell’amministrazione, che ha preso provvedimenti. Dei cartelli illustrativi, con norme igieniche e consigli “utili”, sono stati affissi nei punti strategici del Campus.

I cartelli, rivolti ad ambo i sessi, sono la risposta ad un problema igienico che nasce, è stato dichiarato,  dall’ambiente multiculturale del università. L’eterogeneità degli studenti ha creato, forse, confusione sul corretto utilizzo di questi spazi comuni, molto delicati
sotto il punto di vista dell’igiene.

Si parte dall’illustrazione sulla corretta posizione di utilizzo del water, equivocabile per chi è abituato ad una più familiare “turca” (è barrata la posizione con “i piedi sul water”), a consigli di più comune conoscenza, come quello di “lavarsi le mani dopo essere stati in bagno”.

Ovviamente, lo scopo era quello di rendere i servizi igienici del Campus un ambiente più decoroso e igienico per tutti i 18 mila studenti che lo frequentano, ma la reazione dei diretti interessati è stata diversa. C’è chi si offende per questi “consigli scontati” e ne apostrofa l’utilità o, al contrario, ne riconosce l’esigenza.

Alcuni forum come Contractor UK o LandlordZone discutono sulla disposizione con ilarità, dato l’argomento trattato.

Al di là dei vari punti di vista, sembra che i cartelli illustrativi siano serviti al melting pot di studenti del Campus, poiché è stato riscontrato un miglioramento nelle condizioni igieniche dei bagni dell’università dall’introduzione dei cartelli.

Google+
© Riproduzione Riservata