• Google+
  • Commenta
23 febbraio 2012

Mandato parlamentare e questioni di coscienza

Se è vero che ogni deputato riceve il mandato parlamentare attraverso il voto popolare, saggiamente, l’articolo 67 della nostra Costituzione recita che si è eletti “senza vincolo di mandato”. Si sottolinea cioè il fatto che il parlamentare rappresenta la Nazione e non è quindi vincolato a qualche interesse corporativo particolare.

Ma se è tutto così chiaro perché di fronte alle questioni di coscienza l’impianto del dettato costituzionale vacilla sotto la pressione vuoi dei partiti che dell’opinione pubblica? Si può forse legittimare la forza del mandato a seconda che si debba votare sul fine vita o su una missione militare umanitaria oppure su questioni etiche? E se l’argomento della votazione parlamentare fosse la fiducia a un nuovo governo?

            Venerdì 24 febbraio alle  ore 18.00 al Centro culturale Altinate, via Altinate 71 a Padova, i docenti dell’Università di Ferrara Giuditta Brunelli e Paolo Veronesi terranno la conferenza dal titolo “Mandato parlamentare e questioni di coscienza”. L’incontro è stato organizzato dalla Scuola di Cultura costituzionale dell’Università di Padova diretta da Lorenza Carlassare.

Attraverso lezioni magistrali tenute dai maggiori giuristi del nostro Paese, la Scuola di Cultura costituzionale intende promuovere la conoscenza della Costituzione italiana e la formazione di una consapevole cultura costituzionale tra le persone di ogni età, cittadinanza, estrazione sociale, titolo di studio, professione, appartenenza politica, culturale e religiosa.

Nei tre mesi di conferenze, gratuite e aperte a tutti, che si terranno fino a maggio si alterneranno giuristi come Gaetano Silvestri, Alessandro Pace, Umberto Allegretti, Roberto Romboli, Roberto Zaccaria e Stefano Rodotà.

La Scuola di Cultura Costituzionale dell’Università di Padova è un’iniziativa promossa in collaborazione con il Comune di Padova, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Padova e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

 

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti

 

Per informazioni: www.unipd.it/scuolacostituzionale

Mail: scuolacostituzionale@gmail.com

Google+
© Riproduzione Riservata