• Google+
  • Commenta
8 marzo 2012

Carlo Verdone: La casa dei ricordi!

Per il regista romano Carlo Verdone sembra essere un bel periodo!

Da una parte il suo ultimo film “Posti in piedi in Paradiso” che è

sbarcato nelle sale e dall’altra il suo libro “La casa sopra i portici” edito da Bompiani che domina le classifiche. Proprio ieri c’è stata la presentazione del libro nella Feltrinelli della Galleria Sordi a Roma.

Accolto da un bagno di folla, Carlo ha parlato della sua autobiografia sostenuto da Fabio Maiello e il critico letterario nonché compagno di liceo Filippo La Porta. Questa volta la protagonista è la sua casa, la vecchia casa di Lungotevere Vallati.

Tutto ha inizio dal momento drammatico in cui Carlo deve consegnare le chiavi a un addetto al Vicariato dopo la morte del padre. Da qui parte una panoramica di ricordi del regista relativi a quella casa in cui ha passato 30 anni e alla sua amata famiglia, ma non solo, scandite da vecchie foto delle stanze, con i genitori, amici illustri e documenti.

La vena sensibile e malinconica di Carlo pervade il libro, dove però i momenti dolenti si alternano a momenti allegri e divertenti tipici del regista. Degni di lettura i capitoli dedicati ai ricordi legati al grande Alberto Sordi, Fellini, Pasolini, Christian De Sica, alle donne di servizio, alle sue passioni artistiche e musicali, alla descrizione di ogni stanza dell’appartamento degli odori e dei sapori.

Questo libro è il mio film più importante!”, così lo definisce Verdone che ha continuato dicendo: “ Un inno alla mia famiglia, ai miei genitori, ai miei fratelli e alla mia casa!

Un libro che riflette l’anima di Verdone, un uomo sensibile, ironico, dissacrante per certi versi ‘crepuscolare’, amante della solitudine e dei tramonti che vedeva dalla vecchia casa.

Sebbene ormai affermato, non dimentica il suo passato e la sua fanciullezza, dimostrando di essere ancorato fortemente alla tradizione della sua famiglia.

Google+
© Riproduzione Riservata