• Google+
  • Commenta
28 marzo 2012

Cessazione dal servizio scolastico: rese note le modalità di domanda

Per molti insegnanti si sta avvicinando un momento di fondamentale importanza per la loro vita: la cessazione dal servizio. Il Miur ha, infatti, comunicato con nota 22 marzo 2012 prot. n. 1325 che da lunedì 2 aprile 2012, nell’area specifica SIDI riguardante il “Personale Comparto Scuola e Gestione Cessazioni”, saranno disponibili al pubblico tutto ciò che concerne la cessazione dal servizio, vale a dire le funzioni riguardanti la visualizzazione, la convalida nonché la stampa immediata delle domande di cessazione dal servizio.

C’è quindi una grande novità rispetto agli anni passati: da quest’anno, infatti, il servizio offerto consente anche la visualizzazione e quindi la stampa delle suddette domande. Ricordiamo, infatti, che già ormai da circa una settimana tutti gli Uffici scolastici territoriali e tutte le segreterie scolastiche hanno già a loro disposizione il servizio concernente la “Gestione Domande Inoltrate” che aggiorna giorno dopo giorno quelle che sono le domande del personale docente e ATA pervenute proprio attraverso la funzione specifica di presentazione on-line dell’istanza.

Quale sarà l’effetto di questa procedura? Ovviamente alla cessazione dal servizio seguirà la conseguente liberazione del posto in organico di diritto nell’anno scolastico prossimo 2012-13. Un effetto semplice da capire, poiché la suddetta procedura potrà consentire la convalida delle domande mediante, citiamo la nota del Miur, “l’inserimento nel Fascicolo Personale della data e della causale di cessazione riportate nell’istanza”.

Attenzione: ciò non toglie che saranno sempre disponibili le tradizionali modalità per modificare, iscrivere o cancellare le cessazioni, modalità che ricordiamo consistono nell’indicazione di tutti i dati anagrafici del dipendente.

Tutte le procedure hanno delle scadenze, infatti, il Miur precisa che dovranno essere effettuate “entro le date di inizio delle operazioni di mobilità in organico di diritto, previste per ogni ordine di scuola”. Inoltre è anche prevista una funzione specifica dedicata ai dirigenti scolastici, i quali potranno verificare la situazione delle cessazioni dal servizio che si riferiscono alla loro scuola di appartenenza.

Google+
© Riproduzione Riservata