• Google+
  • Commenta
24 marzo 2012

Format radiofonico Mafie straniere

Mafie straniere” è il tema della ottava puntata del format radiofonico “L’Italia e le mafie”.

La trasmissione, in onda il 28 marzo dalle 12.00 alle 13.00, analizzerà, da un lato, le attività criminale  della mafia cinese in Europa e in Italia e il redditizio rapporto con la mafia siciliana; dall’altro, il traffico di droga da centinaia di milioni di euro che parte dal sud America e dall’Afghanistan e attraverso il nord Africa e l’est Europa converge nel sud Italia per poi essere rivenduto in tutta l’Unione Europea.

Argomenti che Michaela Sica, Rita Di Simone e Giovanna Di Troia affronteranno con Guido Lombardi, autore del film ‘La bas’, Chiara Caprì, autrice del libro ‘Lanterna nostra’ e membro del direttivo del comitato Addiopizzo, e Sergio Nazzaro, giornalista e autore del libro ‘MafiAfrica’.

Intanto procedono, in modo spedito, gli altri eventi, collegati al format radiofonico ideato da Vincenzo Greco e Marcello Ravveduto.

Scadrà il prossimo 30 marzo 2012 il termine per effettuare l’adesione al concorso ‘Cara Mafia ti scrivo‘, riservato agli studenti delle scuole secondarie di II grado (III, IV e V anno).

L’elaborato, invece, dovrà pervenire all’indirizzo di posta newswebradio@unisa.it entro il 30 aprile 2012.

L’iniziativa ha ricevuto, finora, il patrocinio della Federazione Nazionale della Stampa (FNSI), di Libera, della Rete per la Legalità, di Riferimenti-Coordinamento Gerbera Gialla, di SOS Impresa e di Strozzateci Tutti.

‘L’Italia e le mafie’ sarà anche il tema del convegno che si terrà il 30 maggio, con inizio alle ore 9.00, presso il Teatro di Ateneo, per ricordare il 20esimo anniversario della morte di Falcone e Borsellino e il 30esimo dell’uccisione di Gennaro Musella.

Tra le adesioni, finora pervenute, ci sono quelle dell’on. Rita Borsellino, di Lorenzo Diana e Adriana Musella.

Al termine del convegno saranno premiati i vincitori del concorso.

Per partecipare alla trasmissione è possibile inviare una mail a direttawebradio@unisa.it oppure telefonare allo 089 96 91 94, lasciare il proprio nome e numero telefonico per essere richiamati.

Google+
© Riproduzione Riservata