• Google+
  • Commenta
3 marzo 2012

Pin Addio: Nuove apliccazioni e controlli per il cellulare

Ecco che entra nelle nuove case una nuova tecnologia, una nuova applicazione che  accompagnerà la nostra vita quotidiana e porrà fine al nostro caro vecchio codice PIN, ovvero il nostro personal identification number. Un codice indispensabile per poter accedere alle informazioni presenti su un cellulare.

Oggi, infatti, questo metodo sembra ormai superato almeno per i telefonini di ultima generazione. Due i ricercatori si sarebbero impegnati in questo progetto: Mauro Conti, dell’Università di Padova e Bruno Crispi, dell’Università degli studi di Trento.

Il sistema consiste nel registrare i movimenti del nostro corpo in modo tale che sarà lo stesso cellulare a riconoscerci e quindi a permettere, poi, la funzione del medesimo. L’applicazione sembra essere molto affidabile in quanto le ricerche hanno dimostrato un grado di fallimento all’accesso pari solo al 2,5%.  Una percentuale minima.

Oltre al caro vecchio codice pin che sembra ormai eclissarsi senza più avere la possibilità di poter ritornare in superficie c’è una nuova tecnologia che sta prendendo piede. Essa nasce dall’incapacità insita nell’uomo di potersi fidare.

Stiamo parlando dello Spy Bubble, un piccolo software, arrivato Dagli Stati Uniti. Una volta installato permette un controllo completo sia dei messaggi che delle telefonate. Possibile anche rintracciare la posizione della persona spiata tramite l’installazione di un Gps. Lo Spy Bubble non è possibile notarlo dall’esterno quindi il “soggetto spiato” difficilmente potrebbe accorgersene.

A voi la scelta se giudicare tale software utile o deplorevole ma intanto i nostri cari amanti sono stati avvisati.

Google+
© Riproduzione Riservata