• Google+
  • Commenta
25 marzo 2012

Università fantasma e lauree low cost

Università fantasma

Aumenta a dismisura il numero dei truffati da parte di un’Università nel pontino, in seguito alla scoperta di una frode ai danni degli “studenti”.

Università fantasma

Università fantasma

Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza di Santa Maria Capua Vetere ha sottoposto a sequestro il sito web dell’Università dedicata a papa Giovanni Paolo I: unipapaluciani.

Il Miur non ne ha mai riconosciuto lo statuto e l’esistenza, eppure il sito veniva pubblicizzato proprio come se fosse un vero e proprio ateneo ubicato in due stanzette in via Fratelli Bandiera a Latina.

Difatti, pur se non si è mai vista l’ombra di uno studente, dalla sua nascita l’ateneo ha conferito lauree ad honorem a molti volti noti dello spettacolo tra cui Lino Banfi.

Tramite il sito internet www.nukeunipapaluciani.eu la fantomatica università, oltre a promuovere corsi di laurea triennale e magistrale, ha omesso volutamente informazioni circa i servizi offerti e l’effettivo valore dei titoli rilasciati.

Il primo dei truffati risiede nella provincia di Caserta ed è da qui che la Guardia di Finanza ha iniziato le indagini. Per questo è proprio la Procura di Santa Maria Capua Vetere ad occuparsi dell’intricato caso universitario, sul quale pesano già delle denunce e una multa di cinquemila euro emessa dal Garante per la “concorrenza per pratica commerciale scorretta”.

I primi sospetti sono arrivati proprio da alcuni docenti dell’ateneo, i quali non hanno mai visto uno studente varcarne la soglia.

Intanto, in risposta a tale sanzione il rettore Luciano Ridolfi,  ex tenente con vocazione di medico dell’Esercito, nonché, ex vignettista per un giornale locale pontino (è giornalista iscritto in Friuli) e fondatore del Progetto Arianna (una sorta di piccola Gladio per la quale finì sotto inchiesta successivamente archiviata) ha fatto ricorso al Tar.

Il Garante, da parte sua, non ha ritenuto valide ed esaustive le argomentazioni difensive che l’università ha rilasciato per difendere il suo operato ed ha avviato il normale l’iter processuale.

Google+
© Riproduzione Riservata