• Google+
  • Commenta
24 aprile 2012

Arrivano i soldi per la scuola dell’infanzia

Pochi mesi fa, quando tutti abbiamo conosciuto chi fosse il Prof. Mario Monti, c’era una grande necessità di investire e di scommettere su tutti quei servizi per l’infanzia in grado anche di sostenere e di aumentare l’occupazione femminile, purtroppo bassa in Italia.

Ebbene, il Prof. Mario Monti pochi mesi fa è diventato il Presidente del Consiglio dei Ministri, e in uno dei suoi primi interventi aveva promesso degli interventi in questo settore. Interventi che avevano fatto sperare soprattutto i Comuni e le istituzioni notoriamente impegnate nei servizi per l’infanzia.

Non possiamo dimenticare, infatti, che purtroppo l’Italia da questo punto di vista è indietro rispetto all’Europa: per quanto riguarda i servizi per la prima infanzia per bambini fino a 3 anni (ossia asili nido, ecc.) il nostro Paese è ben sotto la media europea. Tra l’altro abbiamo nemmeno il 15% di bambini accolti nelle strutture pubbliche e private, mentre il traguardo fissato per il 2020 dal Trattato di Lisbona supera il 30%. Ce la faremo? Speriamo di sì.

La promessa di Mario Monti è stata mantenuta. Perché un intervento c’è stato: il ministro Andrea Riccardi ha, infatti, annunciato lo stanziamento di circa 80 milioni di euro per il cosiddetto piano famiglia, di cui circa 45 appunto per l’infanzia. Sembra una cifra alta, ma non lo è. Quindi la promessa è stata mantenuta, ma poteva essere mantenuta meglio, diciamo così.

A ben vedere, infatti, non si tratta di una gran cifra; ciò non toglie che è comunque un segnale di fondamentale importanza cui, speriamo, seguiranno altri interventi. A chi andranno questi soldi? Questi soldi andranno alle Regioni e da queste ai Comuni, che provvederanno soprattutto a migliorare il settore degli asili nido e dell’infanzia in generale.

Un fatto è certo: non possiamo permettere che la crisi economica ricada sui bambini di 2 o 3 anni. Quindi è impensabile che ci siano bambini in classi non abbienti o nelle quali la sicurezza è un optional. Almeno questo.

Google+
© Riproduzione Riservata