• Google+
  • Commenta
13 aprile 2012

Bruscandoli, Rosole e Raperonzoli: la memoria di antichi saperi in mostra all’Orto Botanico

Che ne sappiamo noi oggi di piante alimurgiche, noi che al supermercato troviamo la verdura confezionata e lavata già pronta per l’uso, mista, di stagione ma anche no.
In un passato non troppo lontano contadini e povera gente sapevano sfruttare benissimo questi preziosi doni della terra. Queste verdure selvatiche, piante spontanee e stagionali, costituivano infatti una risorsa alimentare fondamentale che spingeva quotidianamente le persone alla raccolta nei campi e nei boschi. Oggi sono rimasti quasi esclusivamente gli anziani a possedere questo sapere fitoalimurgico che, se non si interverrà presto, andrà perduto.

Per non perdere la memoria di ciò che in passato l’uomo sapeva ricavare dal mondo vegetale, l’Orto Botanico di Padova ci viene in aiuto con l’allestimento di una interessante mostra, organizzata in collaborazione con IBAF- CNR Istituto di Biologia Agroalimentare e Forestale di Legnaro, intitolata “La settimana delle Piante Alimurgiche”, dal 14 al 21 aprile.
Dalle 9.00 alle 19.00 sarà possibile visitare all’interno dell’Orto Botanico la splendida collezione delle Piante Alimurgiche per tutta la settimana.

Sabato 14 aprile dalle ore 15.00, all’Orto Botanico si potrà assistere alla proiezione del documentario “Il Giardino Fitoalimurgico” di Maria Clara Zuin dell’Istituto di Biologia agroambientale e forestale del Cnr di Legnaro, e partecipare all’incontro con il professore e naturalista Antonio Mazzetti su “Le erbe dei Colli Euganei: storie di uomini e natura”. Al termine ci sarà una visita guidata all’Orto Botanico e alle Piante Alimurgiche.

Domenica 15 aprile dalle ore 15.00, all’Orto Botanico “Biblioalimurgia”, un percorso sulle Piante Alimurgiche attraverso i libri della Biblioteca dell’Orto Botanico, a seguire un incontro con il professore Antonio Todaro, grande esperto e appassionato dei Colli Euganei, dal titolo “Le erbe spontanee come segno di un’antica cultura contadina”. Al termine ci sarà una visita guidata all’Orto Botanico e alle Piante Alimurgiche.

Google+
© Riproduzione Riservata