• Google+
  • Commenta
29 aprile 2012

In Italia puoi abbracciare il tuo compagno di classe: a New York no

Non si smette mai di imparare, diceva il filosofo. Io dico: le leggi non smettono mai di stupirci. Ebbene sì: se vai in una determinata scuola, la Brooklyn Prospect Charter School, a New York, non puoi abbracciare un tuo compagno. Secondo il Preside, infatti: “Si tratta di gesti che possono creare disagio negli alunni più timidi, introversi e calmi”. Pensate in Italia una norma del genere. Sembrerebbe una barzelletta. Lì non lo è, almeno per ora.

I dirigenti scolastici hanno, infatti, vietato agli studenti gli abbracci nei corridoi, in quanto per il preside Dan Rubinstein: “Il gesto può causare ritardi nelle lezioni, oltre a disagio”. Il divieto, ovviamente, ha scatenato le proteste sia degli alunni sia dei genitori.

Ora, lungi dal cercare di dare qualsiasi spiegazione socio-pedagogica o politica o etica, concorderemo tutti che qui sono in ballo due concetti importanti: educazione e buon senso. Sicuramente i dirigenti scolastici di questa scuola americana hanno introdotto questa norma per evitare plateali scambi di baci e abbracci tra ragazzini di 15 anni in orari scolatici. Non che ci sia nulla di male che ragazzini di 15 anni si bacino e si abbraccino, per carità, ma ogni azione deve essere calibrata bene anche in relazione al luogo in cui sei: non puoi andare in chiesa in costume, ad esempio, non perché Dio non ti vuole bene se lo fai, ma appunto, per educazione, per buon senso.

Così i ragazzi dovrebbero quanto meno minimizzare scambi di baci e abbracci davanti ai loro insegnanti durante le ore scolastiche: educazione, buon senso. A casa tua e fuori dall’aula scolastica fai come ti pare, ovviamente e giustamente. Ma mentre la Professoressa sta spiegando, no, mi dispiace. E la lezione non può cominciare in ritardo perché tu ti dovevi abbracciare con la tua ragazza! Semplice, ma spesso ciò non è capito da tutti, soprattutto quando si hanno 15 anni.

In Italia non c’è ancora una norma del genere, non so se mai ci sarà, ma una cosa è certa: un abbraccio affettuoso, semplice, senza malizia, non ha mai fatto male a nessuno.

Google+
© Riproduzione Riservata