• Google+
  • Commenta
26 aprile 2012

L’ Africa è povera d’ acqua? Uno studio inglese dimostra il contrario

E’ quasi un luogo comune considerare tra le varie cause della povertà dell’ Africa la mancanza di un bene primario come l’ acqua. Lo studio da titolo “Quantitative maps of groundwater resources in Africa” pubblicato sulla rivista “Environmental Research Letters” impone di abbandonarlo.

In Africa oltre 300 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile e solo il 5 % delle terre coltivate è irrigato. La perenne scarsità di risorse idriche che colpisce il continente africano potrebbe essere combattuta sfruttando quelle presenti nel sottosuolo stimabili secondo i ricercatori inglesi 100 volte maggiori di quelle di superficie.

Lo studio costituisce la prima mappa quantitativa dei depositi acquiferi e delle potenziali trivellazioni effettuabili. Le stime valutano intorno ai 0.66 milioni km3 (0.36–1.75 milioni km3) la disponibilità di acqua circoscrivibile ai territori della Libia, dell’Algeria dell’ Egitto e del Sudan.

Sebbene vi siano varie difficoltà legate all’ estrazione che deve essere controllata e pianificata per non danneggiare le falde acquifere l’ acqua presente nei bacini sotterranei subisce meno gli effetti climatici come la siccità e generalmente non richiede controlli sulla contaminazione.

Certamente i risultati della ricerca non forniscono una soluzione definitiva al problema. Nello stesso tempo tale scoperta potrebbe rivelarsi importantissima per far fronte alle sempre maggiori richieste di una popolazione in continuo aumento ed elemento determinante nello sviluppo dell’ agricoltura e dell’ allevamento.

L’ organizzazione di un tale progetto dovrebbe essere unitaria e coordinata nazionalmente ma gestita anche localmente dalle singole comunità per garantire una capillare distribuzione. Si pone la domanda quasi retorica se le nazioni africane abbiano la possibilità di sviluppare autonomamente un piano così complesso e costoso.

 

Lo studio è consultabile alla pagina web: http://iopscience.iop.org/

 

 

 


 

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata