• Google+
  • Commenta
12 aprile 2012

L’Arte Maivista di Frigidaire

“Disegno, satira, pittura, gioco, grafica, foto, invenzione, sono dunque sempre state parti di una comunicazione con una sua linea, un suo cuore, un suo gusto.” Andrea Pazienza e Vincenzo Sparagna.

Ragazzi appena usciti da una situazione sociale italiana forte e impegnativa, ragazzi figli di sessantottini, ragazzi che dipendevano da tutto, non si sentivano liberi di volare ma avevano una gran voglia di parlare e mostrare il loro punto di vista. Giovani che iniziavano a conoscere il nuovo proletariato ed il giornalismo che ne raccontava le vicissitudini, movimenti giovanili che hanno sommosso le grandi città italiane e che ne hanno portato un profitto longevo. Da questo cosmo fatto di turbolenze e proteste nasce nel 1980, la rivista Frigidaire fondato da Vincenzo Sparagna , Stefano Tamburini, Filippo Scozzari; lanciando mostri sacri come Andrea Pazienza, Tonino Liberatore e Massimo Mattioli.

Impiegarono del tempo prima che ingranassero bene e mettessero insieme i presupposti che delineavano la rivista Frigidaire, di carattere dirompente e dissacrante tipico dei movimenti di contestazione giovanile. Il Manifesto dell’Arte Maivista fu scritto da Pazienza e Sparagna, aprendo le porte ad una corrente artistico/culturale detta appunto il Maivismo. L’impegno era di scovare e mostrare molteplici aspetti della realtà, attraverso l’uso di un linguaggio diverso dalla normalità. Assolutamente liberi da interessi di parte sia politici che sociali. Errore è usare il tempo verbale solo al passato, la rivista Frigidaire possiede ancora oggi tutte le caratteristiche di trent’anni fa. Per l’occasione di questo compleanno, nasce un’esposizione di opere originali e riproduzioni dell’Arte Maivista di autori che hanno collaborato con la testata dalla sua fondazione.

È una rivista culturale italiana di fumetti, inchieste e musica, ma con una spiccata dose di autenticità, come ci suggerisce pienamente il nome della mostra “D’Arte  Maivista di Frigidaire”, inaugurata lo scorso 5 Aprile 2012 nel suggestivo edificio AURUM (sala d’Annunzio) a Pescara. Erano presenti lo stesso Vincenzo Sparagna, fondatore e direttore della rivista suddetta ma anche della simile testata de Il Nuovo Male, ed il critico Achille Bonito Oliva, inventore della Transavanguardia. La mostra è curata da Sparagna, in collaborazione con la Repubblica di Frigolandia, per l’appunto la terra di Frigidaire dove ha sede questa rivista popolare ma d’élite, solitamente posizionata a Giano dell’Umbria, ed è anche la sede stabile del Museo dell’Arte Maivista.

Questo imperdibile evento si prolungherà fino al 5 Maggio 2012, ultimo giorno utile per osservare molte immagini e grafici che hanno reso, e rendono ancora, sorprendenti e rivoluzionari le pagine della rivista in questione. Inoltre all’interno della mostra sono presenti le opere di alcuni dei migliori disegnatori della scena underground del fumetto italiano.

 

Google+
© Riproduzione Riservata