• Google+
  • Commenta
27 aprile 2012

Usa: Obama interviene per ridurre i prestiti agli universitari

Stati Uniti, tempo di campagna elettorale.

Obama, così come i suoi sfidanti è a caccia di elettori e, proprio come i suoi pretendenti, è alla ricerca di quel qualcosa in più che faccia sì che il prossimo autunno spingerà i suoi connazionali a sceglierlo di nuovo.

La campagna presidenziale di Barak Obama cerca possibili elettori anche tra le aule universitarie, forse perchè il Presidente degli Stati Uniti ha molto in comune con gli studenti di oggi. La storia di Obama è una storia molto semplice ed umile. Quando dice  “sono stato nei vostri panni, so cosa significa”, c’è da crederci, visto che solo da qualche anno ha saldato i debiti con il college.

Ha dichiarato, difatti, che appena conosciuta la moglie Michelle sono “diventati poveri insieme” e solo di recente l’ammontare totale del debito universitario dei coniugi Obama è stato estinto.

La campagna del Presidente è una sorta di tour, partito nei giorni scorsi dal North Carolina prevede una sosta in altre due diverse università: Colorado e Iowa.

La campagna presidenziale di Obama è tutta concentrata sulle donne e i giovani, le due categorie che più delle altre hanno risentito e risentono della crisi economica che negli ultimi tempi attanaglia il mondo intero.

Durante la conferenza, il filo conduttore del suo discorso è stata la sua storia personale. Il discorso del presidente mira a conquistare gli studenti, battendosi  contro l’aumento dei tassi d’interesse dei prestiti universitari. Milioni e milioni di ragazzi ne risentirebbero e avrebbero grandi difficoltà nel proseguire gli studi o per di più, iscriversi all’università.

Il presidente ha promesso che si batterà per evitare l’aumento dei tassi.

Si stima che qualora il Congresso non intervenisse, il tasso subirebbe un’impennata dal 3,4% al 6,6%, a partire dal primo luglio per ben 7,4 milioni di universitari.

I debiti degli studenti americani hanno raggiunto un totale di  25.000 dollari, superando del 16% le previsioni della Federal Reserve di New York.

Debito non certo di facile estinzione per i giovani studenti. A questo proposito, uno studio della Federal Reserve di New York dimostra che gli americani oltre i 60 anni devono ancora restituire 36 miliardi di dollari di debito.

 

Google+
© Riproduzione Riservata