• Google+
  • Commenta
10 Maggio 2012

Gli studenti Europei scelgono Roma, Bologna e Firenze

L’anno 2010/2011 è stato un anno rovente per gli uffici erasmus di tutta Europa. Difatti sono stati oltre 213mila gli studenti che hanno scelto di trascorrere un periodo di studio all’Estero. Rispetto all’anno procedente, si è verificato un aumento del ben 8,5%: sempre più quindi i giovani studenti esploratori del mondo! Direttamente da Bruxelles, qualche giorno fa ci sono pervenute le statistiche relative alle mete più agognate, ambite e scelte dagli studenti erasmus.

Gli studenti dello stivale e di tutto il resto d’Europa, optano senza dubbio per la Spagna, la Francia e il Regno Unito. Se vogliamo soffermarci invece sui ragazzi di casa nostra, questi sono stati più di 22mila, e le scelte sono ricadute in particolar modo su Spagna, Francia, Germania e Gran Bretagna.

Per quanto riguarda gli studenti stranieri che decidono di soggiornare in Italia?

Nella top 15 delle destinazioni più scelte, noi sicuramente riusciamo a fare la nostra bella figuretta piazzandoci al quarto, nono e dodicesimo posto.

Le città e le relative strutture universitarie che ci hanno permesso di far parte delle quindici mete più scelte, sono state rispettivamente, l’Università di Bologna, la Sapienza di Roma e l’Università di Firenze. Tre città e soprattutto tre università dal valore storico e sociale di tutto rispetto, ineguagliabile sotto molti punti di vista. Che se ne dica riguardo ai problemi organizzativi, gli atenei italiani risultano essere comunque seri e formativi, e a quanto pare infatti, ce lo confermano le decisioni degli studenti Europei.

”In questi tempi difficili le abilità acquisite grazie agli studi e ai collocamenti Erasmus sono piu’ preziose che mai. Se avessimo avuto un budget superiore avremmo soddisfatto piu’ richieste: per questo il nostro obiettivo e’ di aumentarlo per il periodo 2013/2020 e riuscire a duplicare le borse disponibili”. Queste le parole di  Androulla Vassiliou, commissario europeo responsabile per l’Istruzione, con la speranza che questi obiettivi possano essere raggiunti in modo tale da poter offrire questa meravigliosa opportunità a sempre più studenti con la voglia di scoprire, curiosare e apprendere.

Google+
© Riproduzione Riservata