• Google+
  • Commenta
19 Maggio 2012

La notte dei Musei 2012, al via stasera la quarta edizione a Napoli e provincia

Anche quest’anno viene riproposta in tutta Italia La Notte dei Musei,  l’appuntamento con la cultura, organizzato dal MiBAC, dove musei e siti archeologici per una notte saranno fruibili gratuitamente al pubblico dalle 20.00 alle 2.00 del mattino seguente. Il prossimo 19 maggio 2012 protagonisti per una notte a Napoli e provincia saranno -tra gli innumerevoli luoghi di cultura proposti- le meraviglie della Cappella San Severo, i mosaici delle Terme romane di via Terracina, le opere d’arte custodite nel museo di Capodimonte e infine in quello della Casa Rossa ad Anacapri.

LA NOTTE DEI MUSEI. dal 2005 La Notte dei Musei è un evento che si svolge con grande succcesso in tutta Europa e quest’anno vedrà partecipare ben 40 paesi europei con oltre 3000 musei. Sabato 19 maggio a partire dalle 20.00 di sera,  sarà possibile visitare musei o  siti archeologici gratuitamente, insieme alle mostre permanenti e temporanee, tutti aperti  straordinariamente e gratuitamente in una spettacolare versione notturna. Sul sito del MiBAC è possibile leggere l’elenco completo con tutti i luoghi culturali che aderiscono all’iniziativa, insieme a un’app gratuita contenente tutte le informazioni.  Quest’anno, in occasione dei 20 anni dalle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio, i musei della capitale ricorderanno con una serie di performances Falcone e Borsellino, mentre l’evento partenopeo si collega direttamente all’altro momento culturale che da anni anima la città  nel mese di maggio, ovvero il Maggio dei Monumenti.

UNA NOTTE COL PRINCIPE RAIMONDO. un’apertura non stop del museo Cappella San Severo – è questa l’idea vincente  per celebrare degnamente la Notte dei Musei. il Museo infatti resterà aperto continuativamente dalle 10.00 del mattino fino alla mezzanotte, con una progressiva riduzione del biglietto d’ingresso. durante la serata i visitatori saranno accolti da interventi musicali e teatrali a cura dell’ Associazione culturale NarteA: il principe Raimondo di Sangro, interpretato da un attore dell’associazione, interagirà con il pubblico, svelando segreti e curiosità sulla cappella barocca più misteriosa di Napoli.

ANTICHI SAPORI E MOSAICI ROMANI ALLE TERME. Saranno aperte al pubblico dalle 20.00 fino alle 24.00 di sabato sera, le terme romane di via Terracina, ubicate nel quartiere di Fuorigrotta a Napoli grazie all’attività di tutela e valorizzazione del sito archeologico promossa dal Gruppo archeologico napoletano. Le terme vennero alla luce negli anni ’30 del secolo scorso, nell’ambito dei lavori per la realizzazione della Mostra d’Oltremare: l’edificio, completamente riportato al livello di calpestio del suolo, presenta la tipica suddivisione degli impianti termali di età romana, in ambienti ben riconoscibili e arricchiti da mosaici con figure marine. per l’evento di sabato sera, le terme saranno illuminate suggestivamente da fiaccole, mentre i volontari del Gruppo accompagneranno i visitatori alla scoperta non solo del sito, ma anche degli antichi sapori della cucina romana, mediante piccoli assaggi di antiche ricette e di rinomati vini campani.

PERCORSI DI LUCE SULL’ARTE,  RACCONTI VISIVI E MUSICALI DA CAPODIMONTE AD ANACAPRI. sempre nell’ambito delle performances dedicate alla Notte dei Musei, vale la pena ricordare gli eventi ideati al museo di Capodimonte e alla Casa rossa di Anacapri. Nel primo, grazie alla collaborazione di Persol, con “Clic si suona” dove scatti fotografici e improvvisazioni musicali creeranno una fusione artistica tra i due generi, rendendo lo sguardo del visitatore principale protagonista; mentre sulle pareti rosso pompeiano della Casa Rossa caprese saranno proiettate una serie di proiezioni animate sulla storia e sull’arte isolana, con una video mapping dalle 21.00 alle 24.00 a cura della Associazione Kaire Arte Capri. Inoltre veri e propri concerti per pianoforte e per chitarra, con un repertorio musicale che spazia da Paganini all’impressionismo musicale di Enrique Granados,  saranno eseguiti nelle sale del Museo Duca di Martina, e nella Certosa di San MartinoNapoli.

La Notte dei Musei è insomma un evento di rilievo straordinario che, grazie alla consapevole e responsabile fruizione dell’arte saprà promuovere , ne siamo certi, quel senso di comune sentire europeo che alberga nell’animo di ognuno di noi.

 

Google+
© Riproduzione Riservata