• Google+
  • Commenta
6 Maggio 2012

L’ambiente conta: anche Unical dice si!

L’Università degli Studi della Calabria ha siglato lo scorso mercoledì 2 Maggio nella Sala del Consiglio al Rettorato alle ore 16:00 il progetto Carbon Footprint. A sottoscrivere questa alleanza tra l’istituto calabro e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare dopo la “Tor Vergata” romana e la “Ca’ Foscari” veneziana, sono stati il Magnifico Rettore Giovanni La Torre e l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale Martina Hauser.

Ma in cosa consiste questa iniziativa? Sono proprio le parole del Rettore La Torre, apparse su  www.strill.it, a chiarire questo dubbio: “Questo accordo ci permetterà il monitoraggio, con strumenti e tecniche molto sofisticate, dell’emissione totale del gas serra prodotto e, successivamente, di procedere alla riduzione delle componenti inquinanti”. In parole povere l’Unical con questa scelta intende ribadire il ruolo di sostenitrice ambientale che da sempre le appartiene, riducendo in gran parte i consumi energetici dell’Ateneo.

Il Carbon Footprint o l’impronta di carbonio ha il compito di individuare la quantità di gas serra prodotto dall’insieme dei processi fisici necessari alla realizzazione del servizio monitorato: le emissioni di Co2 vengono perciò analizzate e contabilizzate da questo strumento, in seguito tutte le informazioni ottenute confluiscono nel Carbon Management o Gestione delle Emissioni. Lo scopo di questo secondo passaggio di analisi è intervenire prontamente ed efficientemente alla riduzione di questi gas nocivi nel rispetto dell’ecosistema.

La sensibilizzazione riguardo a questo tema così importante ai giorni nostri parte dai centri universitari, con la speranza di diffondere il più possibile l’idea di Low Carbon Economy e raggiungere un’economia a emissioni zero che gioverebbe di gran lunga all’ambiente.

È inoltre prevista la costituzione di un Comitato di Indirizzo e Monitoraggio al fine di sviluppare questo progetto e secondo l’accordo tra il Sindaco Mario Occhiuto ed il Ministero dell’Ambiente per “l’Assistenza Tecnica per lo Sviluppo Sostenibile della Città di Cosenza” sarà composto due esperti dell’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale ed Energie Rinnovabili del Comune di Cosenza.

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata