• Google+
  • Commenta
22 Maggio 2012

Padova,presentazione dei risultati della ricerca “Sport e Media”

Gli studi che si occupano di violenza nel mondo dello sport focalizzano l’attenzione sulle cause (sociali, psicologiche o biologiche) che l’hanno generata considerando il comportamento violento come “patologico” e conseguenza di fattori ai quali si è esposti o predisposti.

E se non fosse solo così? Cioè se a creare violenza fosse una “costruzione sociale” data da azioni, scelte e interazioni che la consentono?

La ricerca “Sport e Media: la configurazione della violenza in ambito sportivo. Ricerca di base e risvolti operativi”, ha messo in luce come la comunità genera e mantiene, nell’utilizzo del linguaggio di tutti i giorni, ovvero nella costruzione delle interazioni quotidiane, scenari di violenza in ambito sportivo.

Domani mercoledì 23 maggio alle ore 17.00 in Aula Nievo di Palazzo Bo, via VIII febbraio 2 a Padova, verranno presentati i dati finali della ricerca “Sport e Media: la configurazione della violenza in ambito sportivo. Ricerca di base e risvolti operativi” condotta Gian Piero Turchi dell’Università di Padova.

Dopo la presentazione di Alberto Cartia, Presidente del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Veneto, e di Gianfranco Bardelle, Presidente del CONI – Comitato Regionale Veneto, Gian Piero Turchi, Sara Francato ed Eleonora Pinto illustreranno i risultati della ricerca scientifica.

La ricerca “Sport e Media: la configurazione della violenza in ambito sportivo. Ricerca di base e risvolti operativi” nasce dalla collaborazione tra il Comitato Regionale per le Comunicazioni (Co.re.com Veneto) e l’Università degli Studi di Padova.

Google+
© Riproduzione Riservata