• Google+
  • Commenta
14 maggio 2012

Peppino è vivo e lotta insieme a noi

Il 9 Maggio di 34 anni fa a lasciare le redini della storia siciliana, (una storia radicata nella Sicilia degli anni 60), era Peppino Impastato, esponente – militante di Democrazia Proletaria, giornalista ucciso dalla mafia nel 1978.

Nato nel 1948 a Cinisi, figlio della famiglia Impastato radicata nel sistema mafioso locale. Negli anni del liceo Peppino iniziava a relazionarsi da vicino col sistema politico e proprio allora iniziava a dar voce (insieme ad un gruppo di giovani) ad un nuovo sentire, fatto di una relazione “altra” con il circostante. Quel circostante andava mosso dalle storture radicate in una Sicilia omertosa e così che dal giornale “L’Idea Socialista” dava forma al circolo “Musica e Cultura” – promuovendo attività cultural musicali – al “Collettivo Femminista” al “Collettivo Antinucleare”.

L’espressione, l’antimafia alla stessa famiglia del padre, la sete di sapere, l’illuminazione di cui Peppino e i suoi erano investiti aveva reso Cinisi, i loro occhi, nuovi, possibili al cambiamento, prossimi al riscatto.

Radio Aut sorse nel 1977 proprio all’apice del loro attivismo, di quello sperimentalismo culturale, politico che li aveva reso forti ed onesti, compatti contro l’omertà; radio aut – autofinanziata – all’insegna della controinformazione, della lotta alla mafia, ai politicanti locali giostrati in misere logiche, esprimeva la volontà del cambiamento, manifestata apertamente da Peppino e dai suoi attraverso una dura lotta.
Una lotta che gli costò la vita la notte del 9 Maggio.

“Peppino è vivo e lotta insieme a noi” evocano i partecipanti al corteo per le vie di Cinisi, allo stesso corteo in cui ancora poche appaiono le “finestrelle” dimostranti adesione, partecipa-azione, ma vivo è il fare di “quell’uomo” i cui fatti muovono le genti.

Nelle giornate scorse (concluse il 9 Maggio), per le vie di Cinisi, numerose le attività dedite alla commemorazione di Peppino Impastato, numerosi i partecipanti, giovani meno giovani; organizzate da Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, Avviso Pubblico, Comune di Cinisi e Centro Siciliano di Documentazione Giuseppe Impastato con la collaborazione di Fondazione con il Sud .

Google+
© Riproduzione Riservata