• Google+
  • Commenta
26 Maggio 2012

Torturatrice di gatti scoperta grazie alle foto sul web

Una storia di violenze e abusi a danno degli animali che si ripete da sempre, stavolta ha per protagonista una donna di Shanghai. Zhou Ying, di 38 anni, è stata accusata di aver ucciso più di un centinaio di gatti e seviziato e mutilato un altrettanto e ragguardevole numero di cuccioli. Nella sua abitazione infatti sono stati rinvenuti diversi animali mancanti di alcune parti del corpo e nonostante le atrocità subite risultavano vivi, denutriti e notevolmente impauriti.

Dopo molti giorni di foto e riprese video, una vicina di casa della “torturatrice” di gatti, ha deciso di denunciare le malefatte scagliando contro l’abominevole donna, un gran numero di animalisti inferociti. La donna aveva infatti diffuso sul web il materiale raccolto nei giorni precedenti a dimostrazione delle cattiverie che hanno dovuto subire gli innocenti gatti sino alla morte.

Accanto alle foto- prova, la vicina di casa di Zhou Ying, aveva inserito anche l’indirizzo e il numero di telefono della donna di modo che fossero gli animalisti indignati a scaraventarsi contro di lei. Quando la donna ha constatato la presenza di gente accorsa a protestare contro le sue gratuite cattiverie, ha chiamato le forze dell’ordine. Una volta giunti sul posto, i poliziotti hanno perquisito la casa per appurare le violenze a danno degli animali e condotto la donna in caserma.

Dopo poche ore però Zhou Ying è stata ingiustamente rilasciata perché in Cina non esiste una legge che condanni i soprusi a danno degli animali. Nel 2009 però è stata proposta una simile legge a tutela degli animali, anche se l’approvazione pare ancora molto lontana.

Nonostante l’amore o meno verso gli animali, il rispetto di essi è fondamentale e altrettanto importante sarebbe una legge aspra contro ogni prevaricazione. Si spera che per ottenere una forma di tutela non occorrano altre ingiustificate morti. Nel frattempo il web è la migliore forma di denuncia quindi è bene farne uso e porre fine ai gravi maltrattamenti.

 

Google+
© Riproduzione Riservata