• Google+
  • Commenta
31 Maggio 2012

Women in Green al via presso l’UniCam

Ha preso il via oggi presso l’Università degli Studi di Camerino il corso Woman in Green – Donne, istituzioni, ambiente dedicato agli studi di genere e alla green economy. Questo percorso formativo, che è diretto sia a studenti che lavoratori, con ovvia preferenza per una componente femminile, ha lo scopo di “diffondere la cultura di genere e delle pari opportunità, per contribuire alla creazione di condizioni culturali e formative che favoriscano una maggiore e qualificata presenza delle donne nelle professioni di alto profilo e meno tradizionali dal punto di vista di genere.

Come spiegato dalla prof.ssa Patrizia David, dopo l’esperienza maturata nei cinque anni precedenti in cui l’ateneo si era impegnato nell’organizzazione del corso Donne, politica, istituzioni, e cercando di intercettare le evoluzioni del mondo economico e politico, è stato spontaneo per l’Università di Camerino pensare a una sorta di evoluzione e affinare la propria rotta verso un mondo che molto ha da offrire. Proprio oggi il ministro dell’ambiente, Corrado Clini, parlando al “Greening camp” ha accennato alla possibilità che già il prossimo anno grazie alla green economy saranno disponibili sessantamila posti di lavoro.

Per gli studenti frequentanti la giornata si è aperta con la lezione della prof.ssa Maria Grazia Camilletti, storica esperta dei diritti delle donne, che ha approfondito la lunga battaglia per i diritti civili e politici delle donne italiane affrontando gli eventi che hanno caratterizzato gli ultimi due secoli.

Nel pomeriggio c’è stato, invece, un incontro pubblico che ha visto protagonisti tre importanti nomi che hanno approfondito il tema della sicurezza ambientale. Il geoclimatologo prof. Carlo Bisci si è occupato di approfondire il cambiamento climatico globale e i suoi impatti; il biologo prof. Francesco Petretti, che ha lavorato con il WWF e che collabora con le televisioni nazionali sul tema dell’ambiente, ha spiegato i rischi della perdita della biodiversità e come correre ai ripari; infine il giornalista Enrico Fontana, membro del direttivo nazionale di Legambiente ed ex vicepresidente di Libera – l’associazione contro le mafie di Don Ciotti -, ha parlato con fervente passione del problema della dark economy e del lato oscuro dell’economia.

Il prossimo incontro pubblico si terrà giovedì 5 luglio e tratterà Green jobs e green skills: formazione e riqualificazione per la green economy. La dott.ssa Emanuela Mencarelli approfondirà le opportunità occupazionali delle lauree triennali ambientali mentre il dott. Luigi Milone si occuperà della formazione in campo ambientale parlando di trend di sviluppo e criticità.

Google+
© Riproduzione Riservata