• Google+
  • Commenta
12 giugno 2012

Essere giovani oggi: i sogni degli adolescenti prima e dopo la maturità

Possibilità di stage a Ginevra
Essere giovani oggi

Essere giovani oggi

Essere giovani oggi: i sogni degli adolescenti prima e dopo la maturità.

“Vorrei svegliarmi domani e avere trent’anni, per vedere che ne sarà di noi”, esordiva così Silvio Muccino nel film commedia “Che ne sarà di noi” di Giovanni Veronesi.

Tre diciannovenni, finito il liceo, partono “alla ricerca di se stessi”. Ed è questo che accade a molti giovani oggi; se non la partenza vera e propria, nasce comunque questo bisogno, il bisogno di evadere, di andare oltre ma ancor di più nasce il bisogno di “cercare se stessi”.

E se da una parte aumentano la dispersione scolastica ( 800.000 ragazzi in Italia abbandonano gli studi dopo le medie) e la disoccupazione giovanile, dall’altra c’è chi ha la possibilità e la fortuna di proseguire gli studi. Così a pochi giorni dall’inizio degli esami di maturità, mentre cresce l’ansia degli studenti, crescono le domande e noi ci chiediamo “Cosa sognano i ragazzi oggi? Di cosa hanno bisogno?”. Restando in tema cinematografico, come non citare “Il laureato”, film cult degli anni ’60, dove, anticipando i fervori del ’68, un ragazzo ribelle e confuso, finiti gli studi, sogna solo un futuro “diverso”. Ed è ciò che sognano i giovani oggi, un domani diverso, diverso da ciò che impone la società, diverso dalla triste realtà che ci circonda, diverso da ciò che spesso la famiglia, dietro il muro dell’incomunicabilità, si aspetta.

Ma come può un ragazzo in questo periodo di dispersione e perdita di valori, avere fiducia e trovare la sua strada?

“Conosci te stesso e conoscerai l’universo e gli Dei”, insegnava Socrate tantissimo tempo fa e ancora oggi la saggezza degli antichi ci esorta a trovare la verità dentro di noi anziché nel mondo delle apparenze. Solo conoscendosi, conoscendo i propri limiti e senza desiderare l’impossibile, oggi si può trovare quel “futuro diverso”.

Un sogno bisogna sempre averlo, avere la libertà di scegliere una vita non preconfezionata e la possibilità di prendersi ciò che si vuole quando lo si vuole.

Google+
© Riproduzione Riservata