• Google+
  • Commenta
22 giugno 2012

Lo stile kitsch di Koons in due mostre a Francoforte

Jeff Koons nasce a York, in Pennsylvania nel 1955. Scultore e pittore, è famoso per le sue opere, votate allo stile kitsch. La sua abilità sta nell’utilizzo di vari materiali (colori, plastica, gonfiabili, marmo, metalli, ceramica) per la creazione di opere di grandi dimensioni.

Deve la sua fama alle grandi sculture floreali, tra cui Puppy (1992), esposta al Rockefeller Center e ora installata al Guggenheim di Bilbao e Split-Rocker (2000), installata nel palazzo Papale di Avignone e a Versailles.

Koons ha ricevuto numerosi riconoscimenti e onorificenze per i suoi lavori; poco tempo fa ha ricevuto il premio per essersi distinto nelle Arti dal Governo Americano. Tempo fa, invece, il presidente Chirac lo promosse Ufficiale della Legione d’onore.

Le sue collezioni sono innumerevoli, così come le sue esposizioni. Koons è oggi considerato un’icona neo-pop, illustratore ironico dello stile di vita americano e del suo consumismo, al punto che qualcuno lo ha paragonato al moderno Andy Warhol.

Il 19 giugno ha aperto due nuove mostre personali a Francoforte, nei musei Liebighaus e Schirn. Tra le opere si possono ammirare “Metallic Venus“, una statua di Venere in blu metallico, “Ballon Venus“, realizzata come se fosse fatta di palloncini, “Michael Jackson and Bubbles“, in cui MJ tiene in braccio una scimmia, “Woman in tub“, in cui una donna nuda in una vasca cerca di coprirsi il seno, e tante altre ancora.

Koons era il marito di Ilona Staller, da cui ebbe un figlio. Sono molte le opere di carattere hard dell’artista con scene di sesso ispirate dalla moglie e spesso con lui protagonista. E anche queste mostre sembrano mantenere lo stile.

Google+
© Riproduzione Riservata