• Google+
  • Commenta
7 giugno 2012

Monaco di Baviera meta esclusiva per universitari Erasmus

Monaco di Baviera
Monaco di Baviera

Monaco di Baviera

Il progetto Erasmus a Monaco di Baviera, secondo il parere di numerosi studenti che hanno provato quest’esperienza, è senza dubbio una meta molto ambita da tutti.

Dopo Berlino, Monaco è una città interessante per trascorrere un periodo di vita all’estero.

Lo studente oltre che imparare bene la lingua tedesca, ha l’opportunità di usufruire dei buoni servizi universitari che la città mette a disposizione per gli stranieri.

Monaco, vanta di avere un servizio universitario d’importanza europea: dispone di 11 istituzioni universitarie nelle quali sono iscritti oltre 90.000 studenti.

La prima Università della Baviera fu fondata a Ingolstadt nel 1472: trasferita nel 1800 a Landshut, trova la sua sede definitiva a Monaco nel 1826.

Monaco di Baviera, Erasmus possono decidere di iscriversi a solo una parte del corso

Gli italiani che vivono a Monaco possono decidere di iscriversi a solo una parte del corso di studio grazie a programmi di scambio del progetto Erasmus o a borse di studio ma possono anche frequentare tutto il corso di studi.

Com’è strutturato l’anno accademico? L’anno di studi è diviso in due semestri: il semestre invernale dal 1 ottobre al 31 marzo e il semestre estivo dal 1 aprile al 30 settembre. Le lezioni si tengono da metà ottobre a metà febbraio e da metà aprile a metà luglio mentre i restanti periodi vengono utilizzati per preparare gli esami. I corsi di laurea sono divisi in due periodi : un biennio propedeutico e una fase che dà la possibilità allo studente di approfondire certi argomenti e di iscriversi agli esami finali.

La città di Monaco offre agli studenti la possibilità di alloggiare nelle residenze universitarie. Per informazioni sulla ricerca di un alloggio ma non solo, c’è l’associazione Stdentenwerk. Tra gli aspetti positivi che lo studente trova, vivendo un periodo in Germania, c’è quello di avere numerosi sconti in ogni settore dai mezzi di trasporto agli eventi culturali.

 

Google+
© Riproduzione Riservata