• Google+
  • Commenta
26 giugno 2012

Professione Reporter

Il lavoro di giornalista è uno dei più gettonati. Possibilità di espressione, mobilità, esperienze. Tutto. Muoversi nelle districate burocrazie italiane è però difficile. L’Italia prevede, infatti, ancora l’Ordine dei Giornalisti, istituito nel 1925, da un’idea di Benito Mussolini, e fu istituito per legge ad albo professionale. Paradossalmente un mestiere che dovrebbe essere libero si ritrova sottoposto ad un’associazione a volte censoria, che può decidere chi è dentro e chi no.

Le scuole di giornalismo riconosciute sono davvero poche, dislocate sul territorio nazionale. A queste si affiancano corsi o stage più o meno utili ai fini lavorativi. A volte questi corsi promettono lavori sicuri, ma per fugare ogni dubbio è meglio dire che niente ti offre il posto fisso. Di seguito proporremo un corso pubblicizzato all’interno delle università e cercheremo di analizzarlo in modo esegetico.

Corso di giornalismo televisivo e radiofonico. Organizzato da Yourway a Roma. In realtà Yourway è una agenzia di management e organizzazioni eventi, quindi di suo non appartiene al campo del giornalismo. Tra i “docenti” abbiamo:  Elisa Anzaldo (tg1 rai) Concetta Mattei (tg2 rai), Claudio Brachino (direttore video news mediaset e quello del servizio sui “comportamenti stravaganti” del giudice Mesiano), Cecilia Primerano (tg1 rai), Michele Cucuzza (radio2 rai), Giuseppe de Filippi ( tg5 mediaset), Marilù Lucrezio (tg1 rai) Fabrizio Piacente (rai sport) Teo Bellia (radio) Ughetta Lanari(dizione). Le iscrizioni sono a numero chiuso e sono precedute da un colloquio di ammissione. Diciamo che tutti i docenti sono professionisti (più o meno amati).  A fine corso i migliori avranno l’opportunità di frequentare uno stage presso una testata giornalistica. Ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Info segreteria organizzativa 06.442552666- 06.4403659 mobile. 3331858886

Questo è in breve l’offerta del corso. Sarà vera?

Google+
© Riproduzione Riservata