• Google+
  • Commenta
30 Aprile 2019

Le Iene martedì 30 aprile 2019: anticipazioni puntata di stasera

Le Iene domenica 19 maggio 2019
Anticipazioni Le Iene martedì 30 aprile 2019

Anticipazioni Le Iene martedì 30 aprile 2019

Ecco quali sono le anticipazioni Le Iene domenica 28 aprile 2019: ecco quali sono i servizi di stasera su Italia 1 con la conduzione di Nicola Savino e Alessia Marcuzzi.

Un nuovo appuntamento con le Iene stasera 30 aprile 2019 su Italia 1. Due giorni fa la puntata domenicale, andata in onda il 28 aprile 2019, condotta da Nadia Toffa, Giulio Golia, Filippo Roma e Matteo Viviani.

Come sempre per le puntate del martedì, parte dell’occhio del pubblico è catturato dalle mise di Alessia Marcuzzi. Avendo già colpito il pubblico nelle precedenti puntate. Come, ad esempio, con un outfit argentato e classico durante la puntata del 23 aprile 2019. O con l’abito verde smeraldo piumato durante la puntata del 15 aprile 2019.

Per quanto riguarda i servizi, durante la scorsa puntata ha suscitato molto interesse il caso del Santone di Acquapendente.

Colui che avrebbe abusato di una giovane ventiquattrenne e l’avrebbe schiavizzata sessualmente. Fondamentalmente un criminale che esercita la sua sedicente dottrina solo per schiavizzare giovani ragazze e tenerle prigioniere.

Senza contare, poi, che continueranno ancora le rivelazioni per quanto riguarda la Strage di Erba, uno dei servizi più seguiti delle Iene di quest’ultimo corso.

Anticipazioni Le Iene martedì 30 aprile 2019: nuovo tassello della strage di Erba

Come ormai da molte settimane a questa parte, tra i servizi più attesi c’è un altro tassello della strage di Erba. L’intervista in esclusiva delle iene a Rosa Bazzi, da oltre un decennio in carcere, ha svegliato molti animi. Antonino Monteleone, l’inviato, è riuscito a riportare in auge uno storia vecchia di oltre 10 anni. E chissà se riuscirà a scoprire qualcosa di nuovo.

Nello specifico, durante il tassello mandato in onda stasera, si parlerà del criminologo Massimo Picozzi. All’epoca del processo per la Strage di Erba Picozzi era criminologo della difesa. E spesso ospite ancora oggi in tv come criminologo.

Rosa, nella sua intervista, ha parlato dei consigli che lui le dava. Le testuali parole di Rosa Bazzi sono state “Lui mi faceva le domande e mi spiegava quello che avevo da dire…mi spiegava “perché guarda Rosy, che vai contro o vai a fare, fai questo fai quello, devi dire così devi fare così, quando è il momento ti devi agitare, cioè muovi le braccia così, muovi le braccia così”. Di conseguenza, Antonino Monteleone ha deciso di intervistarlo.

Di intervistarlo per capire quale sia la sua versione su tutta la vicenda. Considerando anche che era consulente per la difesa. Tuttavia, a quanto pare dalle anticipazioni, il professor Picozzi non è stato molto collaborativo. Non ha voluto rispondere, nemmeno ad una domanda precisa di Monteleone.

La domanda era “Come mai Rosa chiede se era andata bene o era andata male in testa e in coda a dei tagli e delle dissolvenze che ci sono nel filmato?”. Il dubbio che potrebbe suscitare questa questione, quindi, potrebbe anche essere: le risposte di Rosa erano le proprie o di Picozzi?

Servizi principali: strage di Erba, rider e sciopero del Primo Maggio

Oltre all’ennesimo pezzo del puzzle sulla strage di Erba, c’è un’altro servizio molto attesi. Uno sui rider, lavoro incompreso e complesso dei nostri giorni, che si estende fino al loro sciopero del primo maggio.

Per quanto riguarda i rider, si sono interessati a loro Alessandro Corti e Stefano Onnis. Hanno deciso di intervistarli e di dar loro una voce. Specialmente dopo quello che è successo in questi ultimi mesi, anche per colpa del governo.

I rider hanno organizzato uno sciopero per il Primo Maggio, partito da una blacklist di vip che non lasciano mai la mancia. Stiamo parlando di personaggi come Chiara Ferragni, Fedez, Marracash e Platinette, insieme a molti altri. Ma è davvero un scelta giusta scioperare per questo motivo? Le Le Iene martedì 30 aprile 2019 hanno deciso di approfondire la questione.

Google+
© Riproduzione Riservata