• Google+
  • Commenta
14 giugno 2012

Scienziati in scena all’Mpx!

Martedì 19 giugno alle ore 21.00, in onore del professor Andrew D. Hamilton, neolaureato honoris causa in Chimica dall’Ateneo patavino, al Teatro MPX di via Bonporti a Padova, si terrà lo spettacolo teatrale “O2ssigeno messo in scena dalla Compagnia teatraleOpuscoles”.

O2ssigeno è una commedia in due atti di Carl Djerassi e Roald Hoffmann con la regia di Giuseppe Corona. Carl Djerassi è docente di chimica alla Stanford University, ha al suo attivo scoperte fondamentali quali la “pillola” contraccettiva che gli è valsa la medaglia Priestley. Appassionato di letteratura, ha scritto numerose pièce teatrali di successo. Roald Hoffmann,  docente di chimica alla Cornell University, premio Nobel per la chimica nel 1981 per i suoi studi sui legami chimici, da tempo si occupa di diffusione della cultura scientifica.
I protagonisti di questa commedia sono gli scienziati, la loro vita professionale e privata, le loro scoperte e i riconoscimenti che li consacrano. A Stoccolma, nel 2001, si riunisce un Comitato per attribuire un Premio Nobel alla memoria. Gli scienziati che lo compongono, uomini e donne di oggi, devono giudicare l’opera dei loro grandi colleghi del passato: i chimici Lavoisier, Priestley e Scheele, per stabilire chi abbia dato il contributo più sostanziale alla scoperta dell’ossigeno. Sempre a Stoccolma, più di 200 anni prima, i tre protagonisti della rivoluzione chimica, insieme alle loro compagne, si ritrovano alla corte del sovrano di Svezia per rivendicare con ogni mezzo la priorità della scoperta.

Durante l’incontro ognuno fornirà indizi e prove per aggiudicarsi la vittoria nella disputa scientifica, ma rivelerà altresì molti aspetti della propria personalità, coinvolgendo lo spettatore nel clima di tensione che precede il verdetto. Oltre ad indagare su chi meriti l’onore della scoperta il testo ha un altro importante intento: quello di cercare di dare una risposta alle domande più elementari riguardanti la scienza e gli scienziati:“che cos’è una scoperta scientifica?” e “perché gli scienziati sono così interessati ad essere i primi?”

La nuova compagnia teatrale “Opuscules” del Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano nasce da un’ idea  di Giuseppe Corona per la messa in scena di “Ossigeno” in occasione dell’Anno Internazionale della Chimica (IYC2011). La compagnia si compone di undici attori non professionisti, quasi tutti dipendenti del CRO con professionalità differenti (medico, infermiere, chimico, farmacista, biologo, tecnico di laboratorio, assistente amministrativo), ma legati dalla passione per la scienza e per il teatro. Il suo intento è cercare di colmare il divario tra la cultura scientifica e quella umanistica riavvicinando le persone al mondo della scienza facendo leva sulle emozioni che da sempre il teatro riesce a dare.

Google+
© Riproduzione Riservata