• Google+
  • Commenta
25 luglio 2012

Angelo Frontoni: Mediterraneo. Bellezze al Bagno un rigenerante tuffo nel passato

Fotografie di Chiara Samugheo per il cinema, le dive degli anni ’60 tornano a far parlare di sé con gli scatti di Angelo Frontoni raccolti nella mostra dal titolo Angelo Frontoni: Mediterraneo. Bellezze al bagno che sarà aperta al pubblico dal prossimo giovedì 26 luglio fino al 31 dicembre presso le terme di Torino in Corso Vittorio Emanuele 77.

Angelo Frontoni

Angelo Frontoni

Per dare qualche cenno storico, Angelo Frontoni è stato un celebre fotografo, scomparso nel 2002, che divenne famoso per la sua tendenza a ritrarre le dive del cinema in bianco e nero, in seguito, il passaggio al colore, lo fece arrivare ad Hollywood. Frontoni contribuì a raccontare la  storia del cinema e del costume facendo apparire  le sue modelle come sogni proibiti.

Tra i suoi lavori messi in mostra si potrà ammirare una giovanissima Raffaella Carrà ancora lontana dal suo caschetto biondo che la caratterizza da sempre, un’angelica Virna Lisi che sfoggia un costume intero nero la cui eleganza non mette in secondo piano la sensualità dell’attrice, per non parlare delle gemelle Kessler che sfoggiano con naturalezza i primi bikini indossati con la calzamaglia e una piccolissima Catherine Spaak con il suo cappello di paglia rosa. Questi sono soltanto alcuni dei volti noti che si potranno apprezzare lungo il perso corso espositivo, Claudia Cardinale, Edwige Fenech, Stefania Sandrelli e molte altre ancora faranno sognare, allo stesso modo, con le loro pose visitatori di ogni età.

L’esposizione si è potuta concretizzare grazie all’accordo con il Museo del Cinema che dal 2007 dispone del Fondo Frontoni costituito da circa 500 mila immagini.

Fino all’ultimo giorno di permanenza della mostra, i possessori  del biglietto di ingresso alla stessa, potranno usufruire di uno sconto del 10 per cento sul Percorso Benessere; allo stesso modo il Museo offrirà una riduzione a chi presenterà la ricevuta dell’ingresso a QC Termetorino. Dunque quale migliore occasione per rifarsi gli occhi con l’arte fotografica rigenerando il proprio corpo?

Google+
© Riproduzione Riservata