• Google+
  • Commenta
26 luglio 2012

Cosa si cela dietro un evento sportivo? Ecco il video shock!

Che il periodo scanzonato, festaiolo di sole e mare sia finalmente arrivato, crea in ogni individuo finalmente la voglia di lasciarsi alle spalle, anche per pochi giorni problemi e preoccupazioni, tematiche sociali trite e ritrite, teatrini politici e manovre economiche. Di ciò naturalmente si è ben consci e naturalmente ben lieti, inoltre quest’anno il panorama sportivo ha offerto al popolo degli appassionati di molte discipline, molteplici occasioni nelle quali riversare tutto il proprio amore e la propria passione per la beneamata disciplina.

Dagli europei di calcio infatti, stiamo per addentrarci alla prossima avventura olimpica, la quale vedrà ampliare il ventaglio di amatori, sportivi e addetti ai lavori, cimentarsi in prestazioni agonistiche e non, al fine di prendere parte (anche solo idealmente dalla poltrona di casa) ad uno degli eventi più coinvolgenti del mondo sportivo tutto. Naturalmente non vogliamo fare i guastafeste e turbare l’animo gioioso e festante dei più, ma come ben si sa, siamo ben lontani dalla sindrome dello struzzo (nascondere la testa sotto la sabbia) e cerchiamo sempre di guardare da prospettive diverse, i diversi eventi che ci si manifestano d’avanti.

Come sempre ci siamo sempre riferiti al mondo equestre, perché un po’ per deformazione professionale un po’ perché si crede che sia uno di quelle discipline particolarmente “ da tenere sottocchio”. Troppe sono infatti le violenze inflitte ai poveri sportivi a quattro zampe, tutto in nome di ipotetiche performance o vittorie… Quindi cosa può celarsi dietro la preparazione di un evento sportivo? Un video reportage scandaloso è stato trasmesso dalla rete televisiva ABC, nel quale si mostravano le orrende tortura inflitte a poveri cavalli (con creme che acutizzavano la sensibilità della pelle, tra l’altro ben note al mondo del salto ostacoli, catene , cinghie costrittive, scosse elettriche ecc..) per ampliare alcuni movimenti in esercizi specifici, tutto per accaparrarsi la lode da parte di giurie, e applausi da parte del pubblico scatenato.

Il filmato è stato effettuato da delle “talpe” inserite all’interno della scuderia di Jackie McConnell , che una volta avendo acquistato la fiducia “dell’allenatore” hanno potuto tranquillamente riprendere le tecniche che Mr. McConnell, utilizza quotidianamente sui suoi esemplari. Le talpe in realtà erano degli investigatori della The Humane Society associazione che mira alla protezione animale, sostenuta da ben undici milioni di americani! Naturalmente una volta venuti allo scoperto, i giornalisti hanno fatto mambassa di McConnell il quale però con gran classe e umiltà ha semplicemente fatto le proprie scuse cercando di minimizzare l’evento con la volontà di chiudere il caso il prima possibile, inoltre tali gesti violenti sono stati fortemente condannati dagli organizzatori degli show nei quali prendono parte i cavalli in questione ( razza particolare gli Tennessee Walking Horse ).

Come più volte detto, fin quando i principi di profitto economico surclasseranno i principi di morale e di rispetto verso lo sport, ma soprattutto visto il caso in esame, verso i nostri amici equini, saremo sempre difronte a sevizie barbare e violenze atroci verso uno degli animali più leali e accondiscendenti che la natura ci abbia mai donato. Non vorremmo dilungarci troppo perché speriamo che il magnanimo lettore presti veramente attenzione non tanto alle parole scritte, ma alle immagini riportate nel video. Attenzione però il video è notevolmente duro con scene davvero forti e crudeli, quindi indirizzato solo a coloro che realmente credono di avere una buona capacità “ammortizzante”

 

 

Fonte foto: http://farm1.staticflickr.com

 

Google+
© Riproduzione Riservata