• Google+
  • Commenta
19 luglio 2012

Nuoce gravemente alla salute non muoversi? I contro dell’inattività fisica

Nuoce gravemente alla salute non muoversi
Nuoce gravemente alla salute non muoversi

Nuoce gravemente alla salute non muoversi

Cosa comporta l’inattività fisica? Nuoce gravemente alla salute non muoversi e non fare attività? 

Ogni anno più di 5 milioni di persone rischiano di morire a causa della scarsa attività fisica. Secondo la recente scoperta linattività fisica ucciderebbe tanto quanto il fumo.

A riferirlo è lo studio effettuato dai ricercatori della rivista scientifica The Lancet, ricerca  pubblicata in concomitanza con l’apertura dei prossimi Giochi Olimpici di Londra.

In occasione del numero della rivista dedicato all’edizione 2012 dei Giochi, 33 studiosi provenienti da tutto il mondo hanno costatato che la gran parte di coloro che guarderanno le Olimpiadi, comodamente seduti sul proprio divano di casa, è un pubblico completamente inattivo.

L’articolo de The Lancet lancia l’allarme ribadendo che  un terzo della popolazione mondiale è a rischio.

La concentrazione maggiore si presenterebbe nelle aeree del globo maggiormente industrializzate, quindi l’occidente, i cui tassi di sedentarietà si registrano soprattutto tra i giovanissimi. Dati statistici attestano, infatti che i giovani teenagers tra i 13 e i 15 anni praticano pochissimo sport e che alle attività fisiche preferirebbero quelle sedentarie.

Secondo i ricercatori basterebbero 30 minuti di passeggiata blanda almeno 5 giorni a settimana, anche solo per fare la spesa, sbrigare i lavori di casa, fare del giardinaggio o 20 minuti di sport almeno 3 volte a settimana (corsa, nuoto, bici, ma anche fare le scale o allungare il passo al parco sotto casa) per mantenersi in salute.

Il problema, però, non esclude le fasce di popolazione più avanti con l’età, soprattutto il gentil sesso. Con l’età, le donne più degli uomini tendono a condurre una vita sedentaria, dimenticando quanto sia importante il movimento.

Nel 2008 i morti per inattività fisica furono 5,3 milioni su un totale di 57 milioni di morti nel mondo per malattie. Conformemente ai decessi provocati da malattie come il diabete o le malattie cardiache, l’obesità o le sigarette, condurre una vita statica a livello fisico comporterebbe lo stesso tasso di mortalità di malattie più gravi.

Gli stessi ricercatori hanno provato a fare una proiezione per risolvere il problema. A detta dei ricercatori calando il livello di inattività del 10%, annualmente si potrebbero salvare mezzo milione di vite umane.

Google+
© Riproduzione Riservata