• Google+
  • Commenta
6 luglio 2012

L’ultima novità di Oxford? Facebook degli animali!

Può sembrare un’iniziativa fuori dal comune, in realtà gli ingegneri della prestigiosa università di Oxford hanno dato vita ad un dispositivo davvero geniale.

Ovviamente, è errato immaginare i nostri amici volatili o a quattro zampe scambiarsi “tag” e condividere “link” tramite tastiera o dispositivo computerizzato.

La similitudine con il social network più famoso ed utilizzato del mondo vuole sottolineare che la nuova scoperta tutta bretone ha la capacità di mettere luce sulle reti di socializzazione che si vengono a creare nei gruppi di animali.

Ioannis Psorakis, direttore del gruppo di lavoro del dipartimento di ingegneria dell’ateneo, ha spiegato che :  é uno strumento che rivela chi è amico di chi, quali sono i membri dello stesso gruppo e quali uccelli vanno regolarmente assieme alla ricerca di cibo o verso altri eventi… .

Si perchè gli esperti inglesi hanno inizialmente avviato  la ricerca esclusivamente per ampliare gli studi sulle cinciallegre presenti nei boschi di Oxford, ma in seguito hanno avuto modo di estendere la pratica anche per lo studio di altre realtà animali. Tutto fu reso grazie alla progettazione di trasponder che,  posti in 67 mangiatoie nei dintorni di Oxford , sono stati capaci di registrare una serie di dati in grado di dimostrare che le associazioni tra gli uccelli non erano casuali e sono state quindi individuate le amicizie, i processi di accoppiamento in corso nel gruppo e così via!

La straordinaria invenzione ha riscosso ampie approvazioni tra gli zoologi in quanto potranno affiancare ai loro studi  di stampo genetico informazione di matrice sociologica, grazie alla possibilità di vedere riuniti in un’unica volta migliaia di dati che permetteranno loro di esplorare le reti sociali a cui gli animali risultano in grado di dare vita nel corso della loro esistenza.

Milioni di “mi piace” , per rimanere in tema, si aggiudica l’ultima news dell’Università di Oxford!

Google+
© Riproduzione Riservata