• Google+
  • Commenta
31 agosto 2012

Istat: disoccupazione a livelli record

L’Istat rivela oggi i dettagli sui nuovi dati relativi al secondo trimestre 2012 dell’occupazione nel nostro Paese: prosegue il calo vertiginoso con meno 48mila unità – lo 0,2% – in un anno. Il tasso si attesta così come a Giugno su numeri a due cifre confermando un colossale 10,5%, e una crescita di 2,7 punti percentuali su base annua, che resta la percentuale più alta dal 2004.

Ma i dati vanno analizzati in modo più attento perché per un calo complessivo si riscontrano invece aumenti di occupazione per alcune fasce. È il caso delle donne che, al contrario degli uomini, finalmente trovano una crescita del loro tasso di occupazione. Per quel che riguarda gli stranieri presenti sul territorio la situazione è ancora diversa: se al calo tendenziale dell’occupazione italiana, meno 133mila unità, si associa la crescita di quella straniera, più 85mila, si deve comunque registrare una stabilità nel tasso di occupazione degli italini rispetto al secondo trimestre 2011, mentre quello degli stranieri segnala una nuova significativa riduzione passando dal 63,5% al 61,5%.

L’aspetto più preoccupante è quello che riguarda l’occupazione giovanile: il ritmo di crescita annuo della disoccupazione dei giovani è addirittura il triplo rispetto a quello complessivo, ci sono 618mila persone in cerca di lavoro che rappresentano il 10,2% della popolazione in questa fascia d’età. Infatti, all’aumento dell’occupazione più adulta con almeno 50 anni, soprattutto a tempo indeterminato, si contrappone il persistente calo su base annua di quella più giovane e dei 35-49enni.

Gli occupati a tempo pieno proseguono la dinamica negativa arrivando a meno 2,3%, pari a meno 439mila unità e la caduta tendenziale, particolarmente accentuata nelle costruzioni e nei servizi alle imprese, interessa sia l’occupazione dipendente a carattere permanente sia quella autonoma full-time. Gli occupati a tempo parziale, invece, continuano a crescere in misura ancora piuttosto sostenuta con un incremento del 10,9%, 391mila unità, ma si tratta in gran parte di part-time involontario, ossia di un impiego accettato in mancanza di un lavoro a tempo pieno.

Andando invece a vedere i dati della disoccupazione: il tasso – dati grezzi – è pari al 10,5%, in crescita di 2,7 punti percentuali rispetto al 2011; si passa dal 6,9% del secondo trimestre dello scorso anno al 9,8% per gli uomini e dal 9% all’11,4% per le donne. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni sale dal 27,4% del secondo trimestre 2011 al 33,9%, con un preoccupante picco del 48% per le giovani donne del Mezzogiorno.

Infine uno sguardo ai dati sugli inattivi: si riduce del 4,9%, pari a 729mila unità, la polazione facente parte di questa fascia per via della riduzione di quanti non cercano e non sono disponibili a lavorare. Per una aumentata partecipazione delle donne e dei giovani si assistte, nel 40% dei casi, alla riduzione degli inattivi tra 55 e 64 anni, presumibilmente rimasti nell’occupazione dati i nuovi vincoli per l’accesso alla pensione.

Purtroppo anche in Europa la situazione non è delle migliori. L’Eurostat ha pubblicato un aggiornamento sui dati di Giugno che danno la disoccupazione dell’Europa a 17 paesi pari all’11,3% e un dato leggermente più ridotto, 10,4%, per l’UE a 27 paesi.

In conclusione, al contrario di quanto sembra affermare qualcuno in questi giorni, la crisi non accenna a scemare e giorni peggiori sembrano prospettarsi all’orizzonte.

Fonte foto: http://blog.keycode.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy